Aiutate Musseu stagione 2013

Fratelli a voi tutti che mi seguite chiedo un'aiuto per compiere i miei grandi viaggi "purtroppo" dettati dalla forte spesa !!!
Fisicamente e mentalmente sono pronto a qualsiasi sfida!

Ma essendo padre di famiglia e operaio non riesco a far fronte. Mi rendo conto che i tempi non sono dei migliori per nessuno, ma basta un piccolo contributo da tanti per realizzare un grande sogno!

Aiutate Musseu "donazione" con paypal ( pulsante qui sotto)

oppure mandando un contributo al Banco Popolare conto corrente numero iban IT43N0503459602000000802317 intestato a Murari Giorgio

per info email giorg9@alice.it, cell +393394738161
GRAZIE DI CUORE un abbraccio da Musseu

"vivi questo mondo e vivilo con intensità, con passione.Vivilo con totalità,con tutto il tuo essere....e da quella passione, amore e gioia, diventerai capace di andare oltre "

domenica 20 giugno 2010

20 giugno ventofollia

Oggi 20 giugno tempo impietoso è da giorni che il meteo mette brutto e così è , che si fa ? !!!!!
Nella nottata accompagnato da un dolce ticchettio la mia mente era arrivata ad una grandiosa decisione " il corno d'Aquilio " passando dal lago di Garda che con la pioggia è fantastico e non trovi anima .
Ore 5 eccomi pronto , metto il naso fuori dalla porta , è si ... una giornataccia e c'è anche freddo 11 gradi il 20 giugno !!!! , pantaloni lunghi ,spolvero, copricapo, guanti e calzini per l'acqua con una bella canotta invernale maniche corte sotto alla maglietta estiva .
Esco allo scoperto...... madonna come piove !!!! strade allagate e un leggero venticello , musica a manetta testa bassa , percorro tutta la valpolicella , poca gente per strada , fantastica giornata madre natura mi sta regalando !!!!! a Domegliara prendo per Rio Valli dove il vento comincia a farsi sentire con tutta la sua cattiveria , in curva proprio davanti a stento riesco a stare in piedi , la bici quasi si ferma , folate impossibili mi trapassano , scendo dalla panoramica , la musica non cambia devo stare molto attento il rischio di cadere è alto e se succede quando passa una macchina è un un macello .
Finalmente sono sul mio lago di Garda ....una passione senza confine densa di emozioni , mi accosto alla riva assaporo ogni sua fragranza e in questo incantesimo .... m'innalzo verso l'infinito , i km scorrono velocemente fra secchi d'acqua e vento da vela , ma nulla tocca la mia anima rapita da tanta dolcezza e bellezza , mi sciolgo in una atmosfera magica che mi da forza per continuare , la velocità non supera mai i 25 orari , arrivo a Torbole... che follia !!!!!! fermata per megapanino qualche foto e su dritti in valle .
Percorro un pezzo di ciclabile fino a Rovereto , il vento è ancora più cattivo 18/20 orari di più non butta , 90 km fatti 24 di media , viro verso sud è ora di tornare , Eolo da lassù mi da una spinta e si vola verso la meson , arrivo a Peri , sinistra per forza !!!!! è ora di salire ,130 km fatti , altro amore assoluto verso questa compagna di fatica la peri fosse 9 km di vita , il vento cala e smette di piovere , incredibile si stà bene , mi spoglio resto estivo anche se di caldo c'è ben poco, sento il desiderio di respirare dopo parecchie ore avvolto nel gorotex.
La fatica fatta per resistere al vento si fa sentire arranco ma si sale , in 50 minuti sono a Fosse senza esitare viro a sinistra , si sale per il corno , un minaccioso nuvolone nero avvolge la cima , sicuramente c'è l'inferno , Ci Sarà DA DIVERTIRSI !!!!! appena esco alla scoperto del caseggiato un forte vento da est mi travolge ,Eolo è così incazzato che non c'è verso di proseguire , il buon senso mi consiglierebbe di girare e tornare su acque più tranquille ma il mio sguardo è sempre rivolto verso quell'inferno lassù "la mente comanda il corpo" devo trovare il modo di proseguire , 3/4 orari pendenze al 11 % , il vento venendo dalla mia destra mi porta continuamente verso il centro strada , 80 kg portati a spasso incredibile .....bella sensazione mai provata prima , mi toglie il respiro , lentamente piegato a 45% verso est salgo , la cima è sempre più vicina ci sono.. volo , condivido queste folate lasciandomi trasportare corpo e anima , io sono il vento ......mi sto divertendo , arrivo nell'inferno, sono avvolto dalle nuvole e la pioggia comincia a farsi strada, la temperatura scende di brutto , quota 1400 4 gradi ancora 1 km e siamo alla vetta , metto lo spolvero ho freddo, incantato davanti ad un gruppo di mucche tranquille al pascolo mi soffermo , qualche foto e si riparte , un umano a piedi mi da tanta forza " complimenti ragazzo ci vuole tanto coraggio per venire quassù oggi " , 1500 metri sono arrivato , metto addosso tutto quello che ho e scendo verso Sega di Ala , dopo pochi metri sono fermo la strada resa quasi impraticabile da ghiaia e sassi mi ha tagliato il copertone davanti , momento difficile ... ma mantengo la calma , piove a dirotto le mani sono congelate e il freddo si sta impossessando del mio corpo , devo scendere al più presto !!!!
Resto concentrato e tranquillo apro l'officina estraggo un pezzo di tubolare che porto sempre con me e lo infilo sotto il taglio del copertone , cambio camera , megapompata di riscaldamento , contate più di trecento per portare la pressione a 7 atm , pronti per la discesa , ma sto giro verso casa il primo tratto fino a Fosse è da panico a tratti mi tocca scendere dalla sella e appoggiare il cu... sul telaio per poter restare in piedi , continua a piovere..... non sento più niente pedalo e basta , a quota 700 ritorno a girare e dolcemente plano a casa con 170 km fatti e una nuova esperienza vissuta , per andare sempre oltre verso ............

lunedì 7 giugno 2010

Granfondo Damiano Cunego

Dopo tre giorni dalla Lessinia Legend eccomi qua pronto a vivere la granfondo Damiano Cunego .
Gran bel percorso e finalmente ho la possibilità di vivere una granfondo ( LA PRIMA E ULTIMA DEL 2010) con il mio gruppo , vediamo cosa ne salta fuori !!!!
Dopo una notte "insonne" colazione abbondante e via verso Verona , giornata stupenda , i primi caldi oggi si faranno sentire , ore 8 sono alla partenza , ritrovo un sacco di amici e un gran casino alimentato da una scarsa organizzazione , dopo un'ora di "follia" dove ho visto di tutto e di più " povera patria " ne veniamo fuori con animi ancora più arroventati della classica esasperazione che serpeggia di solito , dopo pochi km altro casino fermi per più di 10 minuti a prendere i primi raggi di sole , partenza prevista alle 9 io comincio a pedalare alle 9 e 40 finalmente........ 10 km piani per arrivare alla prima salita che ci porterà dritti ai Ronconi , sono nelle retrovie del gruppo assieme ai miei amici , si pedala tranquilli rilassati , il mio viaggio in questa granfondo è sereno e vissuto in compagnia di splendide persone che colgono il vero spirito che dovrebbe esserci in queste manifestazioni , percorso stupendo in un periodo della stagione a dir poco magico , abbiamo vissuto profumi intensi, rumori del bosco , distese di prati in fiore , fatica , sudore , grazie ragazzi di aver condiviso con me questa bella giornata .
Purtroppo però ho notato grande vuoto e disperazione nella maggior parte della gente , alla ricerca del " nulla " anche nelle retrovie sempre quell'ansia del tempo , non un momento a guardarsi intorno , per non parlare della maleducazione , carte ,bottiglie ovunque sembrava di passare in una discarica , ho visto parecchie ambulanze , gente per terra , gente impazzita contromano al limite della frenata , BASTA RAGAZZI FERMATE QUESTA FOLLIA non si va da nessuna parte così , riscoprite l'anima che c'è in voi e mandate affanc... tutta quella gente che vi fa credere che questo è il modo di fare sport .
Lo sport amatoriale va vissuto con l'obiettivo di divertirsi , stare insieme, senza quella frenesia del "tempo" , vivere il contesto , crescere come persona per affrontare meglio la nostra vita .

giovedì 3 giugno 2010

lessinia legend 125 km in mtb !!!

Oggi 2 giugno Lessinia legend , l'aquila ritorna a volare lassù fino al monte Tomba quota 1780 , un 125 km per 3500 mds , la mtb vecchio amore lasciato per troppo tempo da parte ritorna a vivere , speriamo che sia una grande avventura !!!!!
Molti dubbi girano nel mio unico neurone rimasto , da gennaio usata due volte la mtb, un mese fa un 50 km e tre giorni fa altri 50 km per taratura gomme e forcella ( megavolo , contrattura alla schiena ) , la schiena mi ha rotto l'anima tutto inverno , reggerà ? tutto ciò non ha senso ...... allora via in questa incredibile "follia".
Sono quà in griglia , nel gregge dei "PROF" amatori , non sarebbe il mio mondo ma per la legend questo e altro , ci sarà da penare un po alla partenza ma poi penso che si potrà vivere in pieno l'avventura , per molti di loro questa gara è già oltre i propri limiti , molti dubbi e consapevolezza che arrivare è già un grande traguardo , basta poco per stemperare tutta l'esasperazione che di solito serpeggia in queste gare , non percorsi sempre più facili per fare "cassa" e caos , materiale tosto per andare oltre , grande Luca Poltronieri e grazie .
800 anime al via sono le ore 9 , si parte 5 km di asfalto piano prima di cominciare a salire , se pur partendo con numero alto le mie doti da " musseu" si notano ho un'altro passo dai pedalatori delle ruote grasse , in pochi km sono la davanti nei primi 200 , prima salita su sterrato pochi metri e siamo con il piede a terra , appena partiti già fermi , spero solo che sia per pochi metri .... cosi è 500 metri e ne sono fuori si ritorna a pedalare .
Prime sensazioni positive anche se portare a spasso stò caval da contadini è dura , sempre scomposti cambi ritmo frenetici , il gruppo si allunga e si può pedalare al proprio passo ,si sale in fretta tutta strada molto bella e dura con qualche respiro , Castagne ,San Rocco, Velo , fantastico ....circondato da madre natura la giornata da minacciosa che era alla primi luci è limpidissima e il sole batte forte , alta lessinia fino sul mitico Tomba , la gamba gira a meraviglia si comincia a carburare , sensazioni bellissime , fatica vera, strade molto belle c'è solo da spingere , eccoci ci siamo l'aquila è tornata a casa sono sul Tomba , piccolo ristoro , una coca al volo , qualche foto e via si scende , qui cominciano i dolori , un motivo perché ho lasciato la mtb è proprio la discesa quando c'è troppo tecnico non mi diverto madre natura non mi ha fornito di grandi doti d'equilibrio , pensare che da piccolino non ho mai potuto andare sulle giostre stavo troppo male !!!!
Saluto la compagnia che ho condiviso l'ultimo tratto di salita " andate pure son troppo imbranato in discesa " e poi cosa vuoi pretendere due uscite in 6 mesi è anche troppo che arrivi vivo !!!!!
Discesa " umana" fino a Bosco , da qua si attraversa con un continuo su e giù l'altopiano fino ad Sant'Anna , pensavo peggio mai discese lunghe e tecniche , reggo il passo della truppa loro mi fumano in discesa e io recupero in salita !!!! i km cominciano a farsi importanti , mi sto divertendo tanto , quando sono sui tratti d'asfalto sento che ne avrei da vendere , arriviamo al ponte di Veia ormai ci siamo resta l'ultimo tratto , so per certo la strada fino a Montecchio ( Antolini) poi mai fatta !!!!!! 5 km di asfalto divorati faccio il vuoto sono da solo , penso che sia finita , si farà una discesa e siamo arrivati , magari !!!! qui comincia il mio calvario una serie di discese tecniche da suicidio , gente che mi passa da tutte le parti e si chiederà " ma come fa questo caz.. essere qua" le ultime due quasi tutte a piedi non riesco più a tenere il manubrio e preferisco scendere a piedi , arrivo al " cardiologo " asfalto non ci credo è finitaaaaaa , la rabbia di non pedalare di sprigionare la mia forza è tanta , appena torno sul piano so che c'è circa una decina di km piani e siamo arrivati , rapportone , testa bassa e cronometro fino a Montorio mai sotto i 30 orari con punta ai 42 orari !!!!! bella bellissima gara a parte il calvario finale mi sono divertito tanto .
Questo gara era anche un test per valutare le possibilità di vivere il naturaid del trentino , 400 km per 15000 mds il 24 giugno ....... non sono pronto queste avventure vanno prese da lontano non si possono improvvisare altrimenti possono far male , anche perchè la settimano dopo il 30 giugno ho un' appuntamento che non posso saltare è tutta la stagione che mi preparo , in Bulgaria su strada un 1200 km per 11000 mds , rischierei di saltare ad entrambe !!!!
Sarà per il 2011 con una stagione dedicata in parte alle ruote grasse .