Aiutate Musseu stagione 2013

Fratelli a voi tutti che mi seguite chiedo un'aiuto per compiere i miei grandi viaggi "purtroppo" dettati dalla forte spesa !!!
Fisicamente e mentalmente sono pronto a qualsiasi sfida!

Ma essendo padre di famiglia e operaio non riesco a far fronte. Mi rendo conto che i tempi non sono dei migliori per nessuno, ma basta un piccolo contributo da tanti per realizzare un grande sogno!

Aiutate Musseu "donazione" con paypal ( pulsante qui sotto)

oppure mandando un contributo al Banco Popolare conto corrente numero iban IT43N0503459602000000802317 intestato a Murari Giorgio

per info email giorg9@alice.it, cell +393394738161
GRAZIE DI CUORE un abbraccio da Musseu

"vivi questo mondo e vivilo con intensità, con passione.Vivilo con totalità,con tutto il tuo essere....e da quella passione, amore e gioia, diventerai capace di andare oltre "

domenica 25 ottobre 2009

Bolzano Verona con T.V.

Treno +bici un modo pratico per poter viaggiare , un modo molto semplice ed efficace per aumentare il raggio d'azione, sono molti i treni regionali e interregionali che in diversi paesi europei consentono il trasporto della bici a un prezzo non troppo elevato.
Il gruppo T.V. questo fine settimana ha progettato il giro Verona/Bolzano in treno e ritorno in bici , l'idea è partita da Andrea e Rosanna e raccolta da ben 16 ciclisti , questa uscita mi proietta in un nuovo progetto, trasmettere il" viaggiare lento" divertirsi senza stress , al mio nuovo gruppo , un'input molto stimolante per uno come me sempre in cerca di emozioni .
Ciclopista del sole la strada ciclabile che collega l'Italia con la rete ciclabile Europea. Via Claudia Augusta" tracciata da Druso attorno al 15 a.C., ai tempi della campagna contro i Reti e poi consolidata e restaurata dal figlio Claudio , dove nel 2010 un grande progetto dovrebbe partire , una randonnèe di 600 km a Verona , spero che diventi anche un brevetto permanente inserito nel progetto conoscere e rispettare la terra con un mezzo fantastico come la bicicletta, creare una rete di riferimento per poter viaggiare " in sicurezza " alla portata di tutti anche ciclisti alle prime armi , visitare , conoscere, rispettare, amare, gioire, stupirsi , meditare.
Sabato 24 ore 6,30 dopo poche ore di sonno colazione al volo e via con Ennio alla stazione partenza da Verona ore 7,45 alle 7.20 ci siamo già tutti , si ride si scherza, saluto tutti e comincio a conoscere i nuovi amici di avventura, non ho mai avuto il piacere di pedalare con loro , arriva Elaine !!!!!! si parte ,.
Andrea capo branco aveva già pensato a tutto , biglietti e orari , il treno è in perfetto orario , carichiamo le bici , 12 ci stanno attaccate ai ganci, il resto si sdraia per terra per la gioia dei propietari !!!!! .
Un vagone tutto nostro , per poter vivere , raccontarsi , mi siedo vicino ad Andrea e comincia l'avventura , ho il piacere di parlare con tutti , ragazzi in gamba , semplici , Rosanna e Elaine le due ragazze del gruppo grinta da vendere e voglia di fare .
Alle 9,45 in perfetto orario siamo a Bolzano si scarica al volo , foto di gruppo , caffè e via in cerca della pista ciclabile, sul mio gps avevo caricato una traccia preparata da il mio amico " cicloturista" , però manca il pezzo che dalla stazione porta alla ciclabile !!!!!
Non ci sono problemi !! nel gruppo sembra che ci sia un ragazzo che ha già fatto il percorso , si parte, dopo 3 km arriviamo ad un'incrocio che porta su una superstrada con un bel cartello che indica divieto alle bici , beneee chi ben incomincia !!!! , il Piace prende in mano la situazione e mi invita a fare strada , noto dal gps che purtroppo la traccia della ciclabile è dall'altra parte del fiume dobbiamo ritornare indietro per un paio di km , un po di "panico " serpeggia nei meno esperti e vola qualche sano sfotto nei confronti del gps , la traccia è li ma c'è di mezzo l'autostrada e qualche superstrada , dopo qualche consulto con i passanti troviamo la via Augusta, eccola in tutto il suo splendore, il sole comincia a scaldare e il cielo è limpidissimo, finalmente si incomincia a pedalare , vento a favore, cambi regolari , bellissimo..... un paesaggio alpino, selvaggio e romantico , si pedala e si parla il ritmo è ideale per poter vivere , assaporare la natura, arriviamo a Trento , si attraversa al volo senza subire il caos del traffico e si ritorna in mezzo alla natura 80 km fatti ormai manca poco al ristoro previsto al grill bike di Rovereto , la temperatura è gradevole , eccoci ci siamo , un bellissimo posto al sole , coca , panino , caffè , 5 minuti di relax per ricaricare le pile (fondamentale per le lunghe distanze ogni 100 km un piccolo breck) .
Le ruote ritornano a girare, l'andatura sale, tutti stanno bene, restiamo in ciclabile fino a Chizzola
dove io di solito nei miei giri salto sulla strada a sinistra dell'Adige poco trafficata e scorrevole , al contrario della ciclabile che diventa spezzettata e tortuosa , la proposta viene accolta .
Vento a favore, sole che picchia e compagnia ideale cosa vuoi di più , però ....un tormentone da qualche km mi gira per la testa , la sdruzzinà , sarebbe fantastica da fare con una giornata così bella , purtroppo il lavoro mi chiama alle 17 devo essere a casa , ma la peri/fosse ci puo stare , poco prima di Peri propongo la variante al gruppo il quale ringrazia ma rifiuta e va avanti a parte Gianni che coglie la sfida , salutiamo il gruppo, noi a sinistra e loro a destra ," ciao ragazzi alla prossima siete stati fantastici ", Piace con il raffreddore che ti ritrovi e la ruota dietro scassata sei stato un grandeee , Rosanna sei forte , grazie per la stima , Elaine un diesel ci sarà da divertirsi , il capitano Andrea mostro di semplicità grazie di tutto , Stefano crono che con il suo 53 /12 ci fa impazzire , Stefano l'ironico grande molto simpatico e tutto il resto del gruppo che spero col tempo di poter conoscere meglio .
Adesso tocca a noi" Peri/Fosse" , eccoci qua amica mia sono tornato e con Gianni , fermata al cartello "rosso" sono le 15 , 140 km fatti ci svestiamo e via si sale , le gambe sono legnose non si supera mai i 12 orari, Gianni regge è stimolato a voglia da vendere , si parla e si sale arriviamo al pezzo duro al 7° km , rapporti non ce ne sono più , la velocita scende , Gianni soffre ma non molla, io salgo di " testa " le gambe mi hanno abbandonato e la schiena è ancora sofferente , ne veniamo fuori !! e in poco più di 50 minuti siamo sopra , bello, bellissimo, ma è stata dura, Gianni è felicissimo , grande impresa , fermata al bar e lo accompagno fino a Fane dove le nostre strade si dividono, lui scende da Montecchio , io invece devo rientrare a casa al volo , in picchiata verso Negrar , doccia , megamangiata e via al lavoro fino alle 24 , è dura ..... ma sono felice .

lunedì 12 ottobre 2009

Verona\Padova con Sportclick

11 ottobre dopo una ventina di giorni tranquilli dovuti sopratutto a un fastidioso mal di schiena che mi a costretto a rinunciare alla mitica "eroica ", mi rimetto in sella per un giro di mantenimento, un 200 piatto Verona\ Padova \Verona assieme a miei amici di sportclick .
Come potevo mancare , dopo tutto l'affetto e stima che nutrono in me .
Ritrovo ore 8 Verona , decido di partire alle 7 cosi ho il tempo di "vivere" il centro città , senza traffico e smog , l'aria è fresca ci sono 12 gradi, arrivo a Parona dove inforco il l'ungadice .

« Eco Verona sotobrasso de Ponte Castelvècio:l'è tuta bela,tuta ciara e calda.L'Adese l'è imamàdo,l'è in confusion,l'è timido,el se pètena,el se lustra,el se veste de muraiòni,el se méte in testa i ponti,el canta de tuta vena.Adesso el se scadènael ciapa fià,el la basa.Co na "esse" el la brinca tuta,co na "esse" el la ciama Sposa. » Tolo da Re .
In piazza brà trovo Giorgio mio amico e compagno di lavoro ,tranquilli andiamo al luogo del ritrovo lungadige capuleti , siamo soli non c'è nessuno !! pian piano eccoli che arrivano, saluti abbracci , non siamo in molti la stagione è ormai finita e poi il gruppo sportclick se pur numeroso preferisce distanze piu corte .
La truppa è composta da me, Giorgio, Ale, Paolo, Breso, ? e la super Sara reduce da una grande vittoria alla granfondo Avesani , altri si aggregheranno strada facendo, abitano nelle basse di verona. Via si parte sono le 8 15 il cielo è limpido e il pianeta si sta riscaldando , una bella giornata ci attende, l'andatura è allegra e la schiena regge anche se dolorante , i km salgono e la compagnia anche, ciclisti che spuntano da ogni rotonda !! ormai siamo una quindicina di persone , cambi regolari e si vola verso la basilica di sant'Antonio .Si attraversano bellissimi paesini, immense distese di campagna attraversate da canali , fino alla periferia di Padova , dove si ritorna nello smog e caos, pochi km e davanti a noi la basilica di sant'Antonio , 100 km fatti e 0 mds si sta bene c'è caldo ci fermiamo in piazza qualche foto, breve visita al santo e via verso la meson di Luciano ciclista di Padova che da anni fa parte del gruppo sportclick , dove ci attende un mega ristoro , panini col salame , tramezzini con sottoaceti , moscato e recioto !!!!
classico menu da ciclista !!! si mangia come lupi e si beve , il tempo vola sono già le 12 è ora di tornare , si aggrega " Carmelinda " una giovane ragazza , un personaggio , simpatica e fuori quanto basta che all'andata era venuta in furgone con Garbo presidente del gruppo , la compagnia è allegra e ubriaca , speriamo che la polizia non ci fermi altrimenti son cavoli , salutiamo il mitico Luciano e lentamente si riparte , nel ritorno è prevista una variante che ci porterà a percorrere qualche su e giù tanto da rompere la monotonia delle distese pianure di mais .120 km fatti pausa caffe per digerire il pasto da ciclista !! , ed eccoci finalmente in collina ,un ragazzo del luogo aggregatosi a noi per una trentina di km all'imbocco della salita esclama " ci sarebbe una variantella volendo , però è disumana , a tratti al 28% " blocco la bici lo guardo " dai andiamo" si aggrega Giorgio tutto il resto passa dalla via normale, non posso non farla quando mai verrò in queste pianure desolate , e poi un 28% è sempre un brivido, un'emozione unica , l'adrenalina sale, il salame anche !! dopo poche centinaia di metri su una stradina molto stretta e sporca avvolta in una vegetazione selvaggia si curva a sinistra eeeee mamma mia che ca.. è !!!!, bellissima un muro davanti a noi , strada stretta bagnata e sporca , ultimo rapporto utile poi si passa a piedi e via su , in piedi è un casino si scivola, seduto è troppo dura , allora bisogna trovare quella via di mezzo che ti permetta di non scivolare ma nello stesso tempo di riuscire ad affondare il pedale, il battito sale la gamba è al limite e la strada diventa ancora più cattiva , eccolo il pezzo incriminato , il garmin segna 27 % vorrei mollare ma non posso , tengo duro , Giorgio che monta un 34\25 non riesce più ad affondare il pedale e si ferma sale pochi metri a piedi , io e il ragazzo saliamo ai 4 orari , meno male che molla un po si torna al 18 % !! e adesso viene il bello gli ultimi 300 metri su sterrato con strappo finale al 23% , troppo bello da pelle d'oca non mollo si scivola ma non cado , 184 battiti ,da infarto !!! eccoci ci siamo ultimo sforzo e siamo sopra, troppo forti e vaiiiiiii .
Un km di discesa e troviamo il resto della truppa ad aspettarci , salutiamo il ragazzo e un suo compagno, sono da Padova ritornano e via verso Verona , le gambe sono ancora tremolanti per lo sforzo fatto, mi metto tranquillo in scia , d'avanti si mette il Breso e Paolo due locomotive umane che ci trascinano ai 35 orari verso la meson , i km scorrono veloci si ride e si scherza dentro e fuori da campi di mais , fino alla periferia di Verona dove il gruppo si sfoltisce, ognuno torna a casa rimaniamo sempre meno , a san Michele ci saluta anche Giorgio , ciao amico , arriviamo a Verona io giro verso le torricelle il resto va in centro a mangiarsi un gelato , ciao ragazzi alla prossima , siete grandi persone semplici e la mia amica Sara è un diesel .
Sono stanco e la schiena è al limite ma voglio almeno fare le torricelle poi si vedrà, salgo tranquillo per 4 km fino all'imbocco della discesa per Avesa , si ritorna su uno sterrato bellissimo da eroica , scendo tranquillo la strada è rotta e sporca a fine discesa destra via vada anche per la cola !!!!, 6 km di passione le gambe sono vuote e la schiena non spinge arrivo a Montecchio dove trovo un mega casino c'è la festa dei maroni " che maroni" a piedi attraverso il centro e giù in picchiata , ore 17 sono a casa con 230 km fatti e 1200 mds .
Bella giornata passata in compagnia di splendide persone .