Aiutate Musseu stagione 2013

Fratelli a voi tutti che mi seguite chiedo un'aiuto per compiere i miei grandi viaggi "purtroppo" dettati dalla forte spesa !!!
Fisicamente e mentalmente sono pronto a qualsiasi sfida!

Ma essendo padre di famiglia e operaio non riesco a far fronte. Mi rendo conto che i tempi non sono dei migliori per nessuno, ma basta un piccolo contributo da tanti per realizzare un grande sogno!

Aiutate Musseu "donazione" con paypal ( pulsante qui sotto)

oppure mandando un contributo al Banco Popolare conto corrente numero iban IT43N0503459602000000802317 intestato a Murari Giorgio

per info email giorg9@alice.it, cell +393394738161
GRAZIE DI CUORE un abbraccio da Musseu

"vivi questo mondo e vivilo con intensità, con passione.Vivilo con totalità,con tutto il tuo essere....e da quella passione, amore e gioia, diventerai capace di andare oltre "

lunedì 24 dicembre 2012

Randonnèe del Solstizio D'Inverno 21/12 Arco

Ciao Giorgio, come stai?

Sto partorendo una bella rando di quelle che piacciono a te. La Randonnée del Solstizio d' Inverno, venerdì 21 dicembre, 200km, partenza ore 20:30 da Arco. Percorso pianeggiante +/-, giro della valle del Sarca, si passa di nuovo da Arco dopo 50km e poi giù con il giro del lago di Garda da Malcesine.
Quest' anno si farebbe versione di prova, qualche amico che ho avvisato e basta. Solita formula, autosufficienza totale, un paio di controlli se trovo i locali, arrivo presso un bar aperto ad Arco, quindi niente docce ne ristori per adesso. Darò comunque cartellino di viaggio e road-book. Iscrizione gratis.
Tu ci saresti?
Fammi sapere, ciao
Fabio

Ma certo, non posso mancare è proprio di quelle che piacciono a me !!!
Nel frattempo per lavori in corso il giro è stato modificato, prima si fa il lago di Garda a scendere sulla sponda bresciana e si risale dal veronese e poi anello Sarca.
Ore 18 del 21 stacco dal lavoro , toccata e fuga a casa e via in quel di Arco.
Serata fresca, ma considerando il periodo serata di lusso !
Arrivo a Arco ore 20, il tempo di trovare parcheggio e vestirmi che sono le 20.30
Ritrovo al bar Conti piazza Marchetti, ci sono già tutti, randagi navigati e non , ognuno con il suo perchè..... ora in questo attimo vogliono vivere il solstizio d'inverno di Fabio.
Musseu da parte sua continua il suo viaggio verso l'oltre, emozioni che fanno brillare gli occhi, battere il cuore, sprigionare un sorriso davanti all'infinito essere.
Via si parte, il cammino è tranquillo fino a Peschiera, il lago cattura le nostre anime , tutto diventa magico e la splendida compagnia esalta l'avventura.
85 km fatti sono le 24....la fine del mondo Maya è andata !!!
L'armata si divide in vari gruppi Io con Davide e Massimo da apripista in una serata dove il lago ci sorride....è natale e si vede dai numerosi addobbi e alberi in festa ! Fabio con Marco e Umberto preferiscono viaggiare piu tranquilli, e per finire Francesco e Gabi unica donna dell'armata (un gran bel personaggio da infinite risorse e avventure) chiudono il solstizio!
Prima mattina ore 3 si arriva ad Arco ...freddo tanto freddo e ci resta da fare anello Sarca ...e vaiii con l'alba del nord !!! Messi a dura prova si arriva a Massenza 175 km fatti ...giro di boa, via a tutta in leggera discesa a Arco....eccoci ore 5.45 siamo al bar Le Paste, tutto tace gli umani a quest'ora sono ancora sotto le coperte, ma noi randagi no, noi abbiamo viaggiato tutta notte, catturato l'attimo , quell' attimo, passato in quel momento lungo la riva del lago di Garda , che resterà per sempre nelle nostre anime......
Grazie fratelli randagi, a voi tutti che avete condiviso con me l'avventura , Fabio avanti tutta noi no non lasceremo questo mondo privo di poesia....noi no, un abbraccio fratello .


A voi fratelli il video

giovedì 20 dicembre 2012

Serata Race Around Austria

Serata RACE AROUND AUSTRIA ....ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino in questa speciale serata, ringrazio di cuore tutti gli sponsor, amici, chi mi segue sul blog, chi non ha potuto o voluto venire...voglio bene a tutti.
Il mio viaggio continua , non mi fermerò , adesso arriva il bello lottare contro i molini a vento, avanti tutta verso il sogno !

"Non hai bisogno di essere ricco , famoso o talentuoso per niente ,per fare qualcosa di straordinario . Il cielo non è il limite . Non ci sono limiti , solo limitazioni sociali , culturali , religiose ed auto-imposte . Se riuscissimo a rompere queste limitazioni , sono convinta che l’essere umano è capace di andare molto lontano sia come individuo che come specie"

martedì 18 dicembre 2012

16 dicembre Sdruzzinà

Largo ai sognatori, a chi sa camminare su un filo senza paura di cadere.......largo alla Sdruzzinà !
Dopo Punta Veleno eccoci da sua maestà , quel serpentone che ci porta lassù al confine.
Grazie madre natura, oggi mi donerai il tuo amore per rendermi più forte verso il cammino dell'infinito essere.
Ore 8 si parte, ruote chiodate che divorano l'asfalto camminano lungo la Valpolicella, Musseu non ha fretta è periodo di meditazione, di ricaricare l'anima,
La temperatura è  -1 ma sto benissimo non avverto il freddo....chi sono ? possibile che tutto ormai sia "normale" Dove sono le mie paure ? paura ! la mia mente non elabora più la parola paura , tutto è normale. Dove voglio arrivare ? non lo so avanti tutta senza pensare , vivere ora attimo per attimo quello che sento, che voglio, che mi rende felice, O semplicemente sto fuggendo da un mondo che non mi piace, che mi soffoca con il suo non essere, privo di valori, di poesia, di amore. Il potere, l'apparire, il dio denaro loro si che sono ! sono....che cosa sono ? la fine del mondo cara dolce madre natura !!! Possibile che non ci siano altre vie, la via dell'essere , io sono, ho dato, ho dimostrato il mio amore, la mia anima ! si voglio credere alle favole e voglio credere che esistano ancora persone che credono nella bellezza, nel progetto vita, in persone come "musseu" si lo voglio credere....sto piangendo fratelli, le mie sono lacrime di speranza......che lassù a 1500 metri sul mitico Corno ho versato a madre natura !
Val D'Adige la terra dei forti 30 km con vento contro e strada ghiacciata , e vaiii.....il monte Baldo a farmi da guida e un lentissimo fiume Adige a dettare il ritmo, tutto tace il magico silenzio avvolge anche quaggiù, la natura è in letargo...gli animali sono in letargo....Musseu è in letargo !!!
Bellissimo osservare, catturare il ritmo del freddo inverno.
Il cartello Sdruzzinà mi da il benvenuto, il mio sguardo vola lassù.....una fitta nebbia avvolge la cima, ma il cielo  dichiara di voler regalare una giornata di sole!
Preparo la telecamera per immortalare la scalata da regalare a chi mi segue attimi di poesia, cosa prova Musseu nel suo viaggio, cosa sa regalare madre natura a chi coglie l'attimo.
Via si parte , la strada si fa subito cattiva regalando un 20 %  su asfalto completamente ghiacciato che mi costringe a stare seduto per non scivolare, arrivo al ponte dopo un km , piccola tregua che mi permette di osservare la val D'Adige....che spettacolo.
Quarto km entro in una fitta nebbia , tutto bianco....paesaggio spetrale, le piante sono ricoperte da colate di ghiaccio, curve aspettano un raggio di speranza per ritornare a respirare.
Silenzio il magico silenzio amplifica il respiro, la fatica, sento ogni battito ...la vita che pulsa,
Arrivo al quinto km .....ei padre sole ti vedo lassù fra le fessure che ti stai preparando ad esplodere lungo il cammino, siiiiiii un raggio mi colpisce e mi stende l'anima, un miraggio davanti a me difficile da spiegare, giochi di colori catturano la nebbia e la fanno dissolvere, il monte sembra dorato, e la strada brilla di diamanti.....e vaiiiiiii
Sesto km dopo la galleria esplode il "paradiso" sole, 500 metri di piano su una prateria ricoperta ad arte dal manto bianco, mi invitano laggiù al settimo km.
Cartello 20%........benvenuto nell'inferno, rapporto più agile ben seduto con sella stretta in morsa , cominciano quei 2 km al 17%.....la mia povera schiena ! nel massimo dello sforzo la mia mente elabora la variantella che mi sono partorito per dare un senso alla giornata !!!
Questi attacchi di pazzia sono preoccupanti, ma lo so !.....nel mio inconscio sto già elaborando un passaggio che voglio fare nel mio cammino verso l'oltre " iditarod" un viaggio nel bianco, nel silenzio, dove la natura sprigiona tutta la sua forza, la sua bellezza, rendendo ridicola la presunzione che l'uomo moderno può dominare madre terra...qui ci vuole armonia, rispetto e anima !
Sega di Ala il bivio da fine passeggiata !!!.....si spegne la telecamera, ma forse è il destino ! .....mi chiama , denudati dimentica, vivi ora ogni passo.
Sinistra e si sale, 30 cm di neve mi costringono a scendere....( a dir il vero dopo un bel volo su ghiaccio) eccomi....quattro km con strappi al 20%, la temperatura resta mite sui 0 gradi, un pallido sole, ogni passo sprofonda su questo dolce manto bianco, vivo ogni attimo, penso a Ausilia e Sebastiano....due anni di Alaska.... spingere per km a - 30 gradi con 40 kg di bici !!!
Si sale e arrivo a pochi metri dalla cima, dove un pista di pattinaggio mi costringe a fare numeri da circo......sono allo scoperto, il vento si presenta con raffiche da capotto....non mi curo di così poco e mi fermo ad ammirare lo spettacolo del mondo...a 360 gradi, siiiiiiiiiiiiiiiiiii , commosso da tanta bellezza lacrime ghiacciate completano il quadro !
Mi vesto, dopo pochi metri a piedi inforco la sella e VIA in una discesa alla "follia" sbandate ...cadute, mi sto divertendo come un bambino....e vaiiiiiii arrivo a Fosse.
Discesa per la meson avverto un gran caldo....forse sono troppo vestito...o Orso !
    




Non rubatemi questa poesia, datemi la speranza di un mondo migliore.....il sogno chiamato America.

sabato 8 dicembre 2012

8 dicembre punta veleno

8/12/2012  undici anni che l'otto dicembre con qualsiasi tempo, forma e umore scalo la fantastica salita di punta veleno, una salita al limite, considerata dopo il Zoncolan la più dura in Italia.
Musseu coglie l'attimo e dopo una nottata a lavorare , piccolo stacco per rispolverare una mtb messa in cantina da un anno....catena, cambio, forcella da ripristinare !!!
Ore 11 sono operativo...tutto pronto, ruote chiodate e tutto l'occorrente per scollinare lassù dove oggi dopo la nevicata di ieri sera osano solo le aquile !
Via si parte 50 km di duro asfalto mi attende per inforcare la via della luce, del magico silenzio, della dolce poesia che madre natura regala a chi sa catturare l'infinito

E vaiiii Iside mi aspetta....

Il mio Io oggi vola lassù....
Lassù dove si vedono i sogni
Dove la gioia di vivere
respira a pieni polmoni
Il cammino verso se stessi
accarezzando il silenzio.

Ore 14 la vetta è domata, tanta fatica, tanta gioia , dieci centimetri di neve fresca mi ha permesso di percorrere quasi tutta la salta in sella.
Il magico silenzio padrone dell'onda mi ha cullato e protetto
Respiro...respiro a pieni polmoni prima di volare quaggiù nel quotidiano.
Discesa lunga e fredda , la mia esperienza mi conduce a una dolce planata senza nessun problema.
Trenta km di scarico e sono alla meson....con nel cuore il senso dell'infinito che il lassù sa donare.

domenica 2 dicembre 2012

Anima e Natura......

Anima e Natura ....
 
O anima folle o madre natura
 
Cuore e terra

che portano linfinito umano

la dove nessun denaro arriverà



Avvolgono lunghe poesie  

di ruscelli e fiumi

dove il mare non arriverà



L'anima porta vita

la natura libertà
 
la dove nessun potere arriverà



Muore il mondo degli stolti

privo di libertà

Muore la natura se non c'è

 umanità



Il Paradiso dell'anima

dura un eternità

le cose passano

e la vita ti sfuggirà


Nella natura vive la vita

e nell'aria scorre  

Nel  tempo madre natura

ci insegnerà la sua maestosità



Fermati e pensa

sfuggi all'assurdità
 
ascolta anima e natura...la vera felicità

giovedì 22 novembre 2012

Volare

Non perderò mai la speranza nell'inseguire il mio sogno.
Nulla può fermarmi se non le paure della mia anima.
Crescere nel lungo cammino, fino ad imparare a volare
Cercare nell'infinito essere finché tutto diventi realtà

Il successo o il fallimento è nel mio viaggiare lungo il tempo.
Il tempo che rende saggi chi sa credere e ascoltare.
Libertà di volare oltre i confini dell'umano
Di provare a sconfinare nel magico silenzio dell'oltre

E se il mondo dei sogni venisse distrutto
dal triste racconto di ali socchiuse
Poco importa perché in cuor mio
mi sentirò libero come l'aquila sui monti

Triste il cammino di chi non sa osare
Vola lungo la tua via anima mia
L'unica risposta al tuo cercare è imparare a volare
Non importa se bene o male ma imparare a volare .

lunedì 5 novembre 2012

Lago di Garda....piove !

Primo Novembre.....sei del mattino, nulla davanti a me sembra sorridere, cielo grigio, 11 gradi e il ticchettio della pioggia a rompere il silenzio.....che giornata !
La fuori nulla invita, trovare la forza e la motivazione per pedalare oggi è dura, in questo periodo di riposo,  ma io devo andare, devo partire, madre natura mi aspetta .
Il mio viaggio dell'oltre....non finirà mai credo, non c'è la parola fine nella ricerca di se stessi ,
 "conosci te stesso e conoscerai l''universo".
Grigio è il tema di oggi, non è il tempo che detta l'umore ma è l'umore che "detta" il tempo !!!
Ore otto infilo la rampa del garage, un "fiume" sotto le mie ruote, pochi metri e sono già bagnato .
Devo togliere gli occhiali, tolgo anche i guanti, dopo anni di "rodaggio" pioggia preferisco se non fa troppo freddo viaggiare senza guanti, al contrario di quello che sembra, una mano libera sta meglio che dentro ad un guanto bagnato !
Nulla regge alla pioggia puoi vestirti come vuoi , alle mani e ai piedi inesorabilmente entra, ti puoi solo difendere adottando degli accorgimenti "personali" per stare al meno peggio !
Strade poco affollate e ciclisti nemmeno l'ombra !
Arrivo al mio amato lago, al contrario di domenica tutto tace, un magico silenzio fa da sfondo a un'infinità di colori....colori autunnali , il lago regala il tema azzurro, parte da chiaro per poi sfumare in tonalità più scure confondendosi all'orizzonte con i monti e il cielo.
Percorro tutto il lungo lago fino a Riva del Garda , immerso in mille poesie, il tempo vola e smette di piovere.
Si ritorna a respirare....tolgo l'abbigliamento da acqua, giro di boa, si ritorna dalla stessa strada.
Il ritorno si mena, ritmo da alta quota fino a Torri....si sale a Castion, panorami bellissimi e tempo che da tregua regalando anche un pallido sole.
Strade che normalmente sono affollate di ciclisti, ma oggi "come poche volte" non trovo nessuno, il brutto tempo e il primo novembre hanno fatto centro !!!
Percorro la Valpolicella a ritmo blando, è cinque ore che pedalo con i piedi in ammollo....è ora di tornare !
Eccomi alla meson...170 km fatti sono le due pomeridiane.


 Il sole splende lassù e nell'anima mia 






lunedì 29 ottobre 2012

Ritorna il freddo e la neve...e vaiiiii !!!

27 OTTOBRE 2012
Due giorni che piove, le temperature sono precipitate verso l'inverno , prevista neve a quote basse....bene !
Per non sbagliare si punta dritti a quota 1400, sul corno D'Aquilio.....neve sicura !!!
Prime luci del mattino, fuori c'è l'inferno, raffiche di vento che portano a spasso il "giardino" e un cielo molto minaccioso !
Mi vesto da "mezza stagione" portandomi ha presso tutto il necessario per acqua e quote alte.
Parafango sulla bici e via al mio amato lago a veder volare "Igor"
Non piove ma il vento è davvero spaventoso....devo stare attento perche quando arriva "l'onda" c'è da ridere !!!
Poco prima di Bardolino una leggera pioggerellina mi costringe a indossare la "muta" .
Eccomi sulle sponde del lago....che meraviglia, che spettacolo, solo con il mio caval de fero.
Onde spaventose alte come un umano, barche che svolazzano ......mi soffermo un attimo e su dritti per la Torri/Albisano.
Il vento in salita mi da tregua, Castion, Caprino, Zuane, Val D'adige....ritorna il vento, contrario, maestoso da paura !
Sul piano velocità max 20 orari, lentamente arrivo a Peri, 70 km fatti, altra breve fermata e su dritti verso i 16 km per 1450 mds che mi dividono dal paradiso.....a dir il vero lassù sembra l'inferno !!!
Temperatura che dolcemente cala , dai 8 gradi di Peri , prima di Fosse arriva a 0 gradi, una leggera pioggerellina sempre presente, sinistra per il Corno senza esitare, oggi bisogna arrivare lassù !
Dopo la chiesa di Fosse mi si apre una spettrale paesaggio, vento forte e quota neve ! scende la magica neve, SE SCENDE  e vaiiiiii ci siamo !
SALENDO IL VENTO DIVENTA IMPOSSIBILE, RAFFICHE DA CAPOGIRO, TORMENTA DI NEVE....."Musseu non mollare" Rapporto agile, bici di bolina e pedalare, -2 gradi, la neve comincia prendere forma facendo scivolare la bici, le poche macchine che passano sono fuoristrada.
Eccone una inseguita da un dog che vuole morderli i copertoni !
Passa...e il dog ?.....opss e adesso !
Uno sguardo tra "animali".....una dolce carezza e via assieme per cima coppi di giornata !
Lui "il mio amico" sale agile io arranco , anche perche si scivola di brutto .
Due km alla vetta, continua nevicare....un paesaggio bellissimo , sono al settimo cielo, -3 gradi le mani sono partite non le sento più ! ma tengo i guantoni per la discesa !
Ci siamo....QUASI ! 10 cm di neve rendono il cammino impossibile, dopo due cadute decido che devo mollare !
Con scarpe da bici da corsa impossibile proseguire a piedi.....potrei proseguire a piedi nudi ?  non sono ancora cosi oltre ! ....meglio scendere !!!
Saluto la creatura, un'altra coccola mi vesto e si scendeeeeeee !
Discesa vivace, lentamente.....molto lentamente arrivo a Fosse, il freddo si è impadronito di me è ora di tornare !
Planata sotto una fitta pioggia verso la meson, arrivati....brrrrrr che freddo ! 112 km per 2000 mds .

Missione (quasi) compiuta :) !!! 
 
Soffia il vento sulla pelle mia
Soffia sulla pelle mia come una dolce poesia
Soffia la dolce poesia sull'anima mia

martedì 23 ottobre 2012

V.R.V. le nuove vie !

La via ....la mia via , la meravigliosa pista ciclabile Claudia Augusta, dalla sorgente dove tutto nasce  e prende forza, al movimentato viaggio lungo rupi per arrivare all'infinito orizzonte.....si rifà il trucco e aggiunge altre perle di rara bellezza a un percorso già meraviglioso.........e vaiiiii Musseu !!!
Ore 6 del 21 Ottobre, dopo 3 ore di sonno si parte per Bolzano.....un percorso che raccoglie tutto il "nuovo" facendo visita a Giancarlo di Merano e Teresa di Silandro, al mio fianco Breso e Ciano due amici con tanta voglia di esplorare il mondo dell'oltre .
Ore 8 Bolzano, con temperature invernali che mettono a dura prova le nostre fragili dita, comincia la cavalcata , il termometro non si schioda da 0 gradi fino a Merano dove l'incontro con Giancarlo e truppa ASD Merano davanti a un buon caffè ci disgela !
Via per Silandro , giornata bellissima un cielo azzurrissimo e il sole che scalda portando la temperatura a ben 15 gradi, la pista ciclabile è popolata da poche anime....tutta per noi !
Si mena e un balzo di mille colori e poesie ci conduce da Teresa , al magico laghetto ....che meraviglia , che pace. L'anima respira, la mia ostinata ricerca di questa via che mi regala infinita felicità , ogni stagione al suo perchè, ogni viaggio la sua storia, ricordi, sogni, la mia "crescita", la via dell'infinito.......Teresa e Giancarlo due grandi amici , poche parole e tanto essere, che fortuna averli come amici .
Due etti di pasta accompagnati da un mega strudel fanno da giro di boa ( a pancia piena si ragiona meglio ! ) ....si ritorna a menare e rieccoci a Merano "grazie ASD Merano alla prox".
Via per Bolzano , ore 15 non domi con tanta voglia di pedalare, decidiamo di fare l'anello del lago di Caldaro, salendo dalla vecchia ferrovia e tornando da Ora, altro splendido volo.
Ore 16 finisce l'avventura, 180 km di rara bellezza con l'autunno che regala emozioni e sorprese !
Le nuove vie completano la pista ciclabile, ora da Mori fino a Resia non si lascia mai la pista ....incredibile e meraviglioso...e vaiii Musseu hai una pista tutta tua nel viaggio invernale che ti aspetta....siiiiiiiiiiiiii.

È nel momento più freddo dell'anno che esprimo al meglio la mia anima....:-)

mercoledì 10 ottobre 2012

Volo "lento" di fine estate

Giorni di volo lento , dove la mia mente incrocia il senso della vita, molte domande in questo periodo, alla ricerca di me stesso, dell'equilibrio che mi permetta di vivere e far vivere chi mi è vicino, solo un'anima in pace con se stessa sa donare la vita.
Tutto gira come un giro di giostra, e allora via per un 'altro giro.....cercare di catturare il sogno e crescere verso l'amore .
Lasciamoci trasportare dalle emozioni , respirare profondo per essere positivi......e vivere !
L'autunno il magico autunno con i suoi mille colori sta arrivando e Musseu è pronto a catturare lo spettacolo che madre natura sa regalare.
Dopo il giro del lago , io e il mio "caval de fero " siamo volati lungo la "nuova" via ciclabile sul fiume Sarca, ( da Torbole a Sarche ) ho ritrovato l'amico Fabio di Pietramurata, una bella cavalcata lenta di 240 km ..
Bellissimo il pezzo nuovo di ciclabile che stanno costruendo , panorami mozzafiato e pace tanta pace, sto valutando di inserire il pezzo nel 2014 alla V.R.V.......vedremo !

Domenica 7 mi sono concesso un bel giro in compagnia degli amici di sportclik, Verona /Padova /Verona , con un fuori programma mattutino per ritrovare il magico buio, il risveglio del bosco e l'alba lungo le vie del monte Baldo " ' L'Alba....quando la notte aleggia ancora nell'aria e il giorno non è ancora pieno, quando la distinzione fra tenebra e luce non è ancora netta e per qualche momento l'uomo, se vuole, se sa fare attenzione, può intuire che tutto ciò che nella vita gli appare in contrasto, il buio e la luce, il falso e il vero non sono che due aspetti della stessa cosa, come.........     "  (T. Terzani)
Ne è uscito un giro bellissimo.
Il SILENZIO della "solitudine", lo spettacolo di madre natura, il ritrovare il sorriso di amici, la gioia di condividere un attimo di giornata, con tutte le stimolanti variantelle di fuori soglia, ho conosciuto nuovi amici, per poi ritornare da solo con il magico silenzio e un commovente tramonto sul monte comun..... una dolce planata e arrivo alla meson con 280 km .....!

Buona vita a tutti voi, rendetela un giro di giostra TRAVOLGENTE !

domenica 23 settembre 2012

Giro del lago di Garda con Pino e Bepo

OGGI GIORNATA INTENSA DEGNA DI' NOTA !!!

Pino e Bepo al loro primo giro del lago di Garda, mio fratello e un grande amico al loro primo volo lungo il "mio" amato lago....come dire di no alla richiesta di fare da "apripista" !
Prime luci dell'alba di una giornata grigia ma con temperatura mite, otto anime si involano verso
Peschiera (giro del lago in senso orario) vento a favore e gambe che girano, la truppa regge e si volaaaaaaaaa .
Aiutato da Breso (grande muso) ci spariamo 180 km "piatti" ai 31 di media.
Attimi bellissimi.....GRANDISSIMI !

Lui, il mio amato lago è sempre li a cullarmi......che profumo di fine estate !!!
Il morbido canto delle foglie animate da un lieve venticello,
Lunghe insenature nascoste "all'umano" racchiudono attimi di bellezza infiniti.
Il blu si perde in un magico verde avvolto da maestose pareti che si innalzano al cielo
Lassù dove il confine si perde in un lungo sogno .
Il sogno di ognuno di noi.......amore, libertà e poesia.
Ho colto in loro la gioia che mi cattura in ogni mia avventura .
La voglia dell'oltre, la bellezza della fatica, dell'infinito essere !
Grazie ragazzi.......a tutti voi, una bellissima cavalcata cullati da profumi e sapori antichi 

Sapori di madre natura ......E VAIIIIIIIIIII


lunedì 10 settembre 2012

La Montagna.....Walter Nones....Ride to Finish

Ride to Finish mio caro Walter....ride to finish Manuela.....ride to finish Tony

Walter Nones ....una stella cometa " La montagna è qualcosa di speciale per me, è una grande maestra di vita, mi ricorda i limiti di essere umano, mi da grandi emozioni e la forza di affrontare la vita di ogni giorno con passione e serenità.
E’ la fonte dei miei sogni delle mie aspirazioni, delle grandi sfide con me stesso, a volte vinte a volte perse, ma che mi fanno sentire sempre vivo e pronto a ricominciare. "
Ecco questa frase la sento mia....ecco che queste emozioni fanno parte di me....ecco che Walter fa parte di me.....tutti noi se sappiamo ascoltare l'anima , trovare la via dell'oltre riusciamo a catturare emozioni infinite....linfa di VITA.
Manuela , io suoi occhi....sono rimasto colpito, catturato, una profondità infinita,  persona speciale che nel suo dolore ha trovato quell'oltre, la vita , l'amore, grazie ragazza mia .
Tony il mio Tony ride to finish Tony.....ride to finish Tony .
Il mio cammino dopo la bellissima esperienza Austriaca , ricomincia da qui.....in questi venti giorni sono rimasto tranquillo a pedalare nel veronese, cercando di recuperare.....sono andato lungo le vie a me molto care che mi hanno permesso di compiere l'impresa R.A.A., il mio amato lago di Garda, la mia Peri/Fosse....che emozione mostrare la maglia della race around Austria !!!
Le gambe non girano ancora bene e le ginocchia stentano a lasciarmi andare, ma a Selva di Val Gardena voglio esserci .
Una giornata bellissima, cielo azzurrissimo e tante persone speciali.
La semplicità....la voglia di catturare attimi di vita .....di salutare uno di noi che ci ha lasciati inseguendo un sogno, il suo sogno, ci ha fatto volare lungo una via dove madre natura regala forte emozioni .
L'amore che ci ha donato la famiglia di Walter....emozionante, come il saluto di Tony al suo grande amico, la mamma di Walter ......una mamma, nulla è più profondo di un legame tra madre e figlio....un abbraccio forte MAMMA.


Il percorso è stato un 170 km lungo la val Gardena ....balzando dal passo Sella nella val di Fassa e ritorno, siiiiii ricomincio da qui, da uno di noi per catturare il grande sogno chiamato America.

Video della giornata fatto dall'amico CHEESE

giovedì 30 agosto 2012

La mia Race Around Austria


Il desiderio di volare fuori dagli schemi
dalla monotonia del quotidiano 
da l'apparire ....primeggiare
Mi porta a compiere un viaggio alla ricerca di un'oltre
che mi faccia crescere verso l'infinito essere
Le mie parole restino scolpite nella vostra anima
per farvi volare con me nel bellissimo viaggio della vita
Danziamo fratelli in una grande festa
Viva madre natura.....viva la vita ....viva l'amore

Ci siamo ragazzi forti emozioni, sensazioni da giorni avvolgono la mia anima, lo sento sto per compiere un volo che mi porterà lontano, lassù al limite dell'umano, dove regna il magico silenzio !!!
La Race Around Austria, un percorso durissimo......2200 km con 30.000 metri di dislivello, Bellissimo.... nei suoi passaggi lungo monti, fiumi, laghi, veloce... essendo una ultracycling accompagna quel agonismo che rende il tutto ancora più estremo, 144 ore di tempo per finirla ( qualifica per RAAM) da soli, con i tuoi fantasmi. paure, solitudini.
Ad accompagnarmi tre fantastici amici che di poesia pedalata poco sanno, ma con cuore e anima da vendere !
Claudio lo scudiero sempre pronto a cogliere l'attimo , non ho mai capito quello che ci unisce, siamo completamente diversi , io soffro lui e viceversa , ma come ogni ultra da tre anni a sta parte, lui è li al mio fianco a regalarmi tutto il suo io .
La coppia Stefy&5 pronti per il suo primo viaggio con il "folle" Musseu. catturati dal mio essere mi seguiranno sopratutto nel delicato compito dell'alimentazione, visto il loro interesse e cura nel ramo nutrizionistico .
Team molto risicato per una tale grandezza di gara , ma sono molto fiducioso visto la mia grande esperienza nei lunghi viaggi in solitario dove devi arrangiarti in tutto......mi stimola molto . La maggior parte dei partecipanti sono organizzati faraonicamente , con 8 persone a seguito un furgone e un camper, a bordo medico, nutrizionista, meccanico.
Noi siamo i piu spartani, io da pedalatore, navigatore, meccanico, medico di me stesso ( non c'è medico migliore :) Stefy&5 da nutrizionisti e guida, Claudio da scudiero sempre al mio fianco non stop fino all'infinito e oltre !!!   
Come detto il percorso sarà gestito da me con un GPS e corretto se ci fosse qualche dubbio dalla macchina che mi seguirà, provvista di GPS e road book dettagliato ( 74 pagine date dall'organizzazione )
Due macchine a seguito, la mia con materasso a bordo per poter dormire quando serve e una macchina che faccia da appoggio per alimentari, imprevisti e di visione percorso nei tratti più dubbiosi !!
Il nostro viaggio parte una settimana prima con un accurato programma progressivo che ci porta a non trascurare nulla, le mie abitudini, le mie preferenze alimentari, tutto il vestiario, mezzi, accessori, ecccc.
Siamo pronti si parteeeee per S.T. Georgen . lunedì 13 mattina alle 8 macchine a pieno carico, energia a regime e via......in sei ore siamo sul luogo del "delitto" .
Troviamo subito l'albergo che il punto di ritrovo per ritiro materiale.
Dei quattro artefici del team Musseu Banco Popolare di Verona nessuno parla tedesco e poco l'inglese !!!
Per nostra fortuna due bellissime e simpatiche ragazze dell'organizzazione sono assidue frequentatrici dell'Italia proprio del lago di Garda.......è fatta ci faranno da supporto in tutto sia pre gara che durante !
La giornata di martedì è dedicata al riposo assoluto e allestimento dei mezzi per l'idoneità a carreggiare, controllo dei mezzi bici e macchine nel tardo pomeriggio....tutto ok il team Musseu è abilitato a gareggiare. La gara viene monitorata da un chip satellitare che ognuno di noi ha installato sulla macchina che segue il concorrente, va con i 12 volt dunque non può essere manomesso rischio squalifica, se si cambia mezzo bisogna segnalarlo subito alla giuria , la macchina fa fede il ciclista è libero di volare dove gli pare !.....scherzi a parte ci sarà un continuo controllo durante il percorso con postazioni fisse a sorpresa e macchine dell'organizzazione che continuano a girare sul percorso. Basta poco per essere estromessi dalla gara. Trovo il tutto un po’ approssimativo ! questa non è una rando ma una gara vera dove chi vince viene premiato con un'automobile Citroen c3 e altri ricchi premi fino al quinto classificato....chi vuol barare può farlo liberamente senza grossi rischi !!!
Ore 7 del 15 agosto del 2012, data da ricordare rimarrà scolpita per sempre nella mia anima , mega colazione, e via in bici a compiere quei pochi km che mi dividono dalla partenza.
Un viaggio al limite dell'umano mi attende !!! pochi km mi separano da quel start che dirà se Musseu sa volare oltre il suo limite , se saprà soffrire, catturare l'attimo dell'infinito essere, se potrà proseguire il suo viaggio verso l'America !
Vivere ogni attimo della nostra vita, no passato, no futuro .....ORA io devo vivere ogni attimo di poesia che con amore ho fortemente voluto.
Pelle d'oca già prima di partire....eccomi al teatro dove tutto parte e finisce, qui alle 10,06 partirò e qui dovrò tornare dove aver volato lungo il perimetro dell'Austria .
Team molto carico Claudio pronto in macchina a seguire le orme di Musseu e Stefy&5 alla regia con macchina fotografica e telecamera per immortalare l'attimo.
Giorgio Murari itali (l'unico)  5.....4.....3......2.....1.....goooooooooooooooooooooooooo, vola Musseu volaaaaaaaa , pedala uomo !
Prima pedalate già avvolte da lacrime , no non è possibile che mezza se... che sono, la mia sensibilità ; la mia forza nel cogliere il mondo.....la mia "condanna" nel rapporto umano dell'apparire !!!
Il percorso parte subito ondulato, gamba che gira e GPS che "ragiona".
Come sempre senza rendermene conto non riesco a stare tranquillo lascio che tutto viva, si esprima , cuore che batte forte , gambe esplosive cariche, da giorni a riposo, mente vogliosa di catturare l'infinito. e cosi mi frego, non do il tempo alla macchina di andare a regime prima di volare !!!
200 km fatti....32 di media con 2000 mds fatti.... arrivo al Danubio e arrivano le prime avvisaglie che devo mollare un po’ ! tutto avviene come copione, il cuore , polmoni, cervello si stabilizzano e comincia il lungo cammino .
Il team va alla grande, Stefy&5 davanti a fare da apripista segnalando i passaggi dubbiosi e a scandire i tempi di mangiare e bere passandomi al volo tutto quello che mi serve per continuare a macinare km e Claudio dietro da ammiraglia di supporto e come da regolamento ultracycling da segnalazione. ( macchina con qualche problema a gas ma regge....speriamo ! ) . 
Percorso veloce per i primi 500 km, devo macinare più km possibile a detta di Paolo grande amico che ha partecipato qualche anno fa (per veloce intende come una gran fondo in salita in italia....credo !!! ) poi ci sarà l'inferno, in una sequenza di salite per camosci infinite fino all'arrivo !!!
Il primo giorno è volato e la notte prende forma, cielo bellissimo stellato e clima ideale, prima fermata di pochi minuti per bisogni dopo 350 km .....di solito mi fermo molto prima !
La prima notte come abitudine e accordo con team si passa a pedalare, una pastasciutta verso le 21 e via a tutta a macinare km......il percorso resta nervoso ma con lunghi rettilinei che a testa bassa divoro, che dire del bellissimo paesaggio, una sequenza di magico verde, laghi, che percorre tutta la parte nord/est dell'Austria ( ULRICHSBERG. LITSCHAU.DRO SENDORF ).
Verso le 2 del mattino la coppia Stefy&5 stacca per un paio di orette, si ferma in un hotel a dormire, mentre io e Claudio avanti tutta.
Primi luci dell'alba che dolce visione, una leggera foschia ad accarezzare lunghe praterie avvolte da maestosi colli , il percorso a parte qualche impennata ogni tanto resta veloce .
Ore 10 del 16 agosto 24 ore che pedalo .......570 km fatti per 5000 mds , sensazioni positive anche se mi rendo conto che di strada ne resta da macinare, come uso nelle rando ho diviso il percorso in 20 tappe teoriche di circa 100 km l'una , diluito va giù meglio !!! Due dispositivi GPS a mia disposizione, uno in macchina sotto carica che a ogni tappa  cambio con quello sulla bici, così ho sempre il GPS bello carico !!!
E vaiiii con il secondo giorno, giornata caldissima si viaggia sui 32 gradi ma senza quell'afa che uccide, il percorso non da tregua bisogna spingere , non salite lunghe ma cambi ritmo continui con un paio di "toccata e fuga" a quota 900 metri.....NEUSIEDLERSEE, GÜSSING, siamo quasi in Slovenia vicino a Maribor ormai è sera, decido per il primo vero stacco, la gamba spinge poco.....e Claudio ormai è alla frutta deve dormire un po’, devo sempre tenere in mente che se salta il team si va a casa, musseu tieni a freno il tuo essere !!!  Un paio di orette con mega pasta, grana, olio extra, farcita di piselli .....uno spettacolo ! Lo stomaco regge a fame, divora tutto, Stefy&5 stanno facendo un buon lavoro con una alimentazione curata di integratori liquidi, accompagnati da bocconcini di pane con miele e prosciutto cotto, frutta secca a vagoni e la cioccolata fondente come dolcetto ristoratore, caffe poco al momento non serve sono solo 36 ore che non dormo !!! Claudio deve ancora finire la pasta che parte a russare ( beato lui ) io mi giro....mi rigiro....non si dorme , che cazzo sto fare qua...via si torna a pedalare "armata brancaleone si parteeeeee" ANDIAMO.....nooooooooooo !!!
Musseu da i tempi e il team esegue...per ora !!! Notte, la magica seconda notte a pedalare , le stelle sempre loro a indicarmi la via, sorella luna a farmi da compagnia con i fratelli del fitto bosco che scrutano il mio passaggio e a volte rischiano anche qualche frontale.....molti scoiattoli e ricci "asfaltati" !!! Dopo pochi km una salita infernale mi attende, strappi sopra il 15%, piano , discesa, questa giostra continua per una ventina di km , non se ne esce cazzo....per fortuna che la gamba nel piccolo break si è riarmata e spinge, il team è ammutinino, sbalordito da tanta "cattiveria", io pedalo e viaggio con la mente, poesia e amore è quello che vedo, penso ai miei amici che sono li al mio fianco, penso a Walter a Pietro e a tutti i fratelli che da lassù volano con me verso questo infinito .
Mi fermo un attimo per cambiare le pile del faro.......e Claudio dove cazzo è ! aspetto cinque minuti...nulla, telefono....nulla , telefono a Stefy che in un attimo è li al mio fianco ad indicarmi la via....e Claudio ! Si è addormentato in macchina....è saltato, va be io intanto pedalo poi mi raggiungerà. Si ritorna sul piano ormai è mattina del secondo giorno, la prima vera salita è li pronta ad essere vissuta, 20 km con pendenze costanti sul 7 % con strappi al 15% , e per finire una volta sopra il mostro è a " tre teste "  un sali scendi spacca gambe che mi porta al confine con l'Italia verso Udine . I km salgono e il dislivello pure ormai siamo a 900 km fatti e 10.000 mds, l'alba mi sorride , ritorna in truppa Claudio che dopo un meritato sonno è li pronto (spero) a sorreggere il passo.
Discesa fredda e molto ripida, mi vesto a dismisura essendo molto sudato, arrivo in valle , il sole fa la sua comparsa e riscalda i nostri cuori, le gambe girano e comincia una cavalcata a tutta verso i passi alpini. Claudio lascia di nuovo si concede un' altro break ci raggiungerà prima di sera per essere bello carico la prossima notte, la terza !!! Passa tutto il mio corredo a Stefy&5  e si rilassa lungo le sponde di un meraviglioso laghetto .
Noi si spinge e ci si diverte , più si va avanti e più noto che Stefy&5 lentamente entrano in tema e si fanno travolgere , la fatica, il sonno, il mangiare al volo, vengono compensati da un viaggio incredibile al confine con l'umano.......quel oltre che mi spinge verso nuove mete .
Il sole batte forte è ora di vestirsi leggeri.....cazzo hanno dimenticato il cambio estivo nella macchina di Claudio !!! Incazzato nero proseguo, il mio pensiero diventa furibondo un caldo atroce mi avvolge, levo tutto quello che posso e avvolgo i pantaloni lunghi invernali fino al ginocchio, non possono farmi questo devono rimanere concentrati, non si sta cazzeggiando, si sta per compiere l'ultra più dura d'Europa , la RAAM europea, prima ramanzina a Stefy&5 e forte delusione nei confronti di Claudio che da anni mi segue e da anni devo tenerlo sempre attivo altrimenti si perde nelle sue fantasie, si rilassa e dimentica tutto .Ore 12 ci fermiamo a fare una pasta , Claudio è stato avvisato e sta rientrando su di noi !!! 1000 km fatti per 11.000 mds in 48 ore !  Pasta e via sotto il sol leone...Stefy mi rincuora dicendomi "dai porta pazienza sta per arrivare".....dopo due ore di sauna ecco Claudio, cambio abiti e ramanzina, poi deluso ritorno a macinare km , "Musseu stai calmo cogli l'attimo e accetta il positivo di chi con amore è al tuo fianco " Stefy&5 prendono una pausa si fermano a dormire !
Prime ore pomeriggio arriviamo all'imbocco della salita s. Maria , c'è caldissimo, continuo a bagnarmi e salgo lentamente 30 km di salita discontinua , strappi micidiali , poi spiana piccola discesa e di nuovo strappo, si gira intorno al monte salendo lentamente, dopo una decina di km mi soffermo un attimo su una panchina per un microsonno e a mangiare qualcosa di solido.....è si, si fa dura e so che il bello deve ancora venire, arrivano da dietro due fratelli ultra uno tutto bello pimpante con la "giostra" a seguito un mega furgone che a tutto volume con musica da disco da la carica, sul momento fa anche piacere sentire un po’ di ritmo, a tal punto che salto in bici e riparto, riprendo giostra che in realtà è Cristian un austriaco della mia età , quando lo sorpasso è stracotto ma non accetta di essere superato da un italiano e reagisce scaturendo una piccola competizione tra "cadaveri" che ci porta fin  lassù alla vetta, dove arrivo stremato e stanco di sentire "la giostra" sempre quelle dieci canzoni a raffica....che noia che barba !!!  Discesa a tutta e via per Linz....per la cima coppi del giro, sua maestà il Grossglockner , 30 km di leggera discesa mi separano arrivo a Lienz stanco molto stanco, ormai è sera decido per una fermata ,Claudio stimolato da il meglio di se e mi "serve" in tutto pronto, reattivo, pasta e nanna.....devo assolutamente dormire qualche oretta altrimenti non si recupera, è due giorni e mezzo che non dormo.
Punto la sveglia alle ore 2 son le 11,30, parto in un "lungo" sonno, finalmente ho dormito un po’ !!! Colazione e via per sua maestà, Stefy&5 sono rientrati e il team è li al mio fianco compatto pronto a sfidare il Grossglockner in versione notturna....peccato non poter ammirare le meraviglie che regala questa vetta, ma penso che la versione notturna ci regalerà altre emozioni.
La salita parte subito cattiva e Musseu non gira, non riesco più a trovare la pedalata, resto tranquillo e proseguo , i km diventano come macigni, 40 km dalla vetta quaranta km che non riesco a scalare.....sono alla frutta mai arrivato così oltre....eccoti Musseu ci sei !!!  Nel massimo dello sconforto sensazioni strane avvolgono la mia anima.....mi sto divertendo " sono pazzo " , comincio a sparare cazzate e rivolgendomi a Claudio annuncio il desiderio di mollare " Claudio sono finito mollo il mostro mi sta sconfiggendo" sono cosi convincente che un Claudio disarmato, preoccupato cerca di rincuorarmi.....lui è abituato a fare da scudiero a musseu, non ho avuto mai il bisogno di "un aiuto". Si adesso colgo l'attimo, sono solo "nudo" davanti a sua maestà, piccole brevi fermate per riprendere fiato e su sempre più in alto , 5-6 orari, pendenze mai sotto il 10% si arriva a notte fonda alla prima delle tre "teste" del mostro, sono stremato, ho freddo , o fame, sete,  la mia anima piange, piange, piange.......Walter, Piero, amici, sento la vostra energia......siiiiii avanti tutta ragazzi, il team non ha parole , cerca di capire il momento e fa quello che può ! E due ...e tre , sto vivendo attimi incredibili, non so dove trovi l'energia di proseguire, difficile descrivere l'oltre che sto vivendo, un travolgente turbinio di emozioni amplificate all'infinito.......ne sono fuori,  adesso si scende.
Metto addosso  tutto quello che ho più un mega giubbino di Claudio invernale , ci sono cinque gradi, scendo per una decina di km a passo d'uomo...mi sto addormento , sono stremato devo staccare un'altro attimo !!!
Mezzoretta in macchina per riprendermi, fino alle primi luci dell'alba....al mio "risveglio" una bellissima alba ad attendermi, percorro altri 20 km in discesa , paesaggio fiabesco tutto avvolto da una fitta foschia e un freddo pungente. Si ritorna a pedalare sul piano e LENTAMENTE il mio corpo prende ritmo e ritorna a macinare km, il sole esplode come d'incanto tra le fessure dei monti regalando energia a madre natura e a Musseu, comincia un lungo spogliarello fino a denudarmi alla versione estiva. Una lunga valle di una trentina di km in leggera salita mi porta ai piedi di un'altro colle, sono ormai le 10 del mattino, tre giorni che pedalo 1400 km fatti per 15.000 mds, niente male, se pur sofferente la media resta buona, mi fa ben sperare in un successo , ho ancora tre giorni a disposizione per percorrere 800 km per 13.000 mds !!!
Salita dolce che porta a quota 1600, dove ritrovo "giostra" che mi accompagna nella lunga discesa e falsopiano che portano ai piedi del kuhtai !!! Una trentina di km prima c'è un punto ristoro offerto da l'organizzazione dove si può farsi una doccia e staccare un po’.....a finalmente una bella doccia ristoratrice , megapasta con grana olio e fagioli...,microsonno e via a tutta sotto un caldo incredibile, Prima del kuhtai ci attendono altri due tre colletti di antipasto, incredibile questo percorso è un vero incubo, salite dure cattive aspre una dietro l'altra , al controllo mi è stato comunicato che già circa metà dei concorrenti si sono ritirati !!!
Leggendo il road book il team non riesce a percepire le difficoltà del percorso, ogni tentativo di darmi una mano con ragguagli sul percorso viene subito smentito...e allora avanti tutta alla cieca, prendendo come punto di riferimento le grandi salite i km e il dislivello che rimangono all'arrivo ! Il kuhtai salita che conosco molto bene fatta per due volte alla famosa Granfondo Otztaler, strappi disumani e lunga quanto basta per cucinarti ! Eccoci siamo qua , il team mi accompagna lungo la via del calvario, divido il kuhtai in stazioni post strappo , se non ricordo male ogni tanto la strada si impenna per un centinaio di metri sopra le due cifre, caldo tanto caldo. Il mio fisico viene messo a dura prova in poche ore dal freddo Grossglockner al caldissimo kunthai....incredibile quanto la nostra macchina sappia andare oltre !!!
I duri strappi lentamente come pensavo mi massacrano i muscoli, ormai non si recupera più troppe salite cattive a doppia cifra, troppo dislivello non stop, per fortuna che ho dei rapporti agili 34/32 che mi danno una grossa mano ! Arrivo sopra ...un grido di gioia siiiiiiiiiiiii domato anche il kuhtai. discesa veloce che porta in una lunga valle , pedalo dolcemente fino a che la strada si fa buia, come copione lascio Stefy&5 al meritato riposo alberghiero e io e Claudio ci accampiamo in un prato isolato lontano dal casino. Pasta....e nanna , altre tre orette ristoratrici, sto giro riesco dormire alla grande ....via si riparte , strada che ricomincia a salire, lentamente si sale 40 km che portano a quota 1800 in piena notte, di nuovo ritorna il freddo e i 5 gradi !!! Discesa infinita , lungo piano e alle prime luci dell'alba siamo in Tirolo, che incanto che poesia, ritorna lo coppia Stefy&5 che si azzarda di indicarmi la via " quaranta km di piano" ultime parole famose parte subito una salita bella tosta,  che porta in paradiso...troppo bello quassù, la mia disperazione raggiunge l'apice e di nuovo mi sto divertendo come un pazzo, il team ammutinito, scorgo nei loro sguardi una incredulità, impossibile che un fisico riesca a spingersi cosi oltre !!!
Dalla disperazione alla cattiveria pura quando mi si rompe la ruota posteriore.....nooooooooo mi si è anche incastrata la catena fra i raggi e l’ultimo rapporto, scendo e violentemente strappo la ruota dalla bici, mani nere ...faccia nera divisa nera.....haaaaaaaaa voglio morire, e se non basta da adesso in poi dovrò pedalare con il 34/29 !!!
Tre km secchi al 10% dove trovo anche uno del'organizzazione li pronto ad applaudirmi ! e vai con la rumba incazzato nero rendo meglio, l'impossibile mi fa sprigionare una forza incredibile. lunga discesa con vento a favore e a detta di Claudio 30 km di piano.....detto fatto.......e vaiii con un'altra mega salita di 20 km  pendenza costante sul 10% , siiiiiiiii la RAA la sento mia, fa parte di me , colpisci, ferisci ragazza mia Musseu si sta divertendo !!! A quota 1600 metri si arriva sulla vetta , ormai sono da rottamare , legamenti delle ginocchia, muscoli, hanno raggiunto la maturazione e per finire cominciano a farsi sentire anche le dolorose vesciche del fondo schiena......aaaaaaa che gioia !
20.000......20.000 sono i metri di dislivello fino adesso pedalati , giu a tutta verso fondo valle, di nuovo sole e caldo, cotto dal sole, rosso acceso con naso da clown percorro una ventina di km di piano.......il team non si pronuncia :) , alla mia spalle ecco che arriva "giostra"....nooooo meglio fare un piccolo break , prato,pasta e cioccolata il mio menù, E' da un po che nella lista fastidi accusati regna anche il pollicione del piede sinistro, tolgo la scarpa....nooooo una mega vescica mi sta letteralmente sollevando l'unghia !!! forbice da elettricista....amputazione di mezza unghia per poter dar sfogo alla bolla d'acqua che una volta scoppiata e disinfettata viene bendata...aaaaaa già meglio !!!
Via si riparte altro giro di giostra, Innsbruck e Ofenpass, Ofenpass significa passi finiti....magari, intanto pensiamo a questo ! si sale di slancio....e che slancio, ritrovo "giostra" stracotto avvolto i un pianto di "sconfitta" speriamo che regga ma lo vedo male !!! Discesa , 30 km di piano e siamo di nuovo al controllo con docce, altra breve fermata, doccia pasta e stretching tanto stretching per dare respiro a muscoli accompagnato da una aspirina !
1900 Km per  21000 mds, 300 km mi dividono dalla meta, ormai è sera , Stefy&5 a nanna e io e un provato Claudio ( che non è riuscito a cogliere l'attimo e sta subendo il viaggio, al contrario di Stefy&5 che sono elettrizzati ) a menare le danze, dopo tanta salita ecco un bel 100 km di "piano" la gamba gira,  i km passano in fretta e notte fonda arriva in un lampo, non avrei sonno 200 km mi dividono dalla meta , da quel confine così oltre, ma decido per un piccolo break per dare respiro a Claudio ! Due orette che volano , la sveglia da il via si ritorna a menare, 150 Km e ci siamo, Stefy&5 ritornano della partita , regalandoci una "New "....ragazzi fra pochi km parte un 5 km da incubo !!!
Ormai è giorno le prime luci regalano giochi di colori e tanta poesia......eccoci si ritorna a salire , un bel muro davanti a me al 15% , mi faccio forza e zigzagando circondato da un fitto bosco secolare salgo, due ....tre km, stop o bisogno di staccare un attimo, guardo Claudio e gli dico " ci facciamo un caffè" detto, fatto, si parcheggia e via con il caffè, intanto Stefy va ad ispezionare il percorso , pochi minuti e si riparte , altri due km di rampa e poi ecco il "paradiso"....la strada si fa dolce e un'alba spettacolare esplode in tutto il suo bagliore, pelle d'oca e tanta emozione....non sento più la catena ( frase usata dai prof ) Due km che ricorderò a lungo, dico a Claudio di aspettarmi al passo, voglio restare solo avvolto in madre natura accompagnato da un magico silenzio, lacrime di gioia scivolano lentamente sul mio viso......bellissimo, mi giro tutto intorno.....siiiiiii vitaaaaaaa, siiiiiiii poesia, siiiiiii amore, il paradiso davanti a me. Arrivo sul passo dove trovo Stefy&5 "coccolati" ad ammirare questa alba magica "cogli l'attimo Musseu " Consapevoli che la  R.A.A. è nostra si percorre la lunga discesa, 90 km ci separano da ST Georgen......ritorno a menare sul piano i km scorrono veloci......altre due salitelle di 10 km mi separano dalla meta , ma nulla ormai puo fermarmi, sono stanco e il mio fisico è andato oltre ogni confine , ma si volaaaaa. A una decina di km dall'arrivo ecco il lungo corteo di ricevimento, foto , applausi, a Musseu itali, Stefy, 5, Claudio sono felicissimi , la mia mente ripercorre il filmato del grande viaggio, e come d'incanto brividi di una gioia indescrivibile attraversano il mio corpo, che meraviglia e sono ancora quà con la voglia di spingere verso "l'America " ST Georgen .....e vaiiiiiiiiiiiiii.......siiiiiiiiiii.......è fattaaaaaaaaa
2200 km in 120 ore
28.000 metri di dislivello
27,8 di media pedalata
18 la media totale
Decimo assoluto
Partiti 32,  arrivati 18 !  gara durissima.
Link Tempi
( "gioastra" è arrivato quaranti minuti prima di me.....la notte "porta" consiglio !!!)
Il palco è li per NOI per Musseu l'itali, invito con me sul palco il team e comincia la festa , tanta è la felicità che mi sembra di essere appena partito, il nostro viaggio si conclude con un abbraccio totale in un bagno di spumante .
Nulla di cosi oltre , il mio lento cammino verso l'America è incredibile.....10 anni di continuo e lento progresso, voluto, cercato, vissuto, la voglia di arrivare di andare oltre quel confine dell'apparire....io sono.

Io sono uno di voi, una normalissima persona che madre natura ha regalato tanto e come d'incanto un giorno si è svegliato e ha cominciato a pensare al dare un senso a questa giornata chiamata vita !!!

Grazie a tutti i fratelli che credono in Musseu....tutti quelli che con il suo contributo , amore hanno reso possibile questo.....un grazie particolare al BANCO POPOLARE
Grazie a Traguardo Volante ( Paolo&Fabrizio) a TVS ( PA&LUCA) , Lebesitaly (Marcellina)  Sovendi (Bruno) E-hub ruote (Maksin) Gore bike wear, Vaude, Davidoss 

Ragazzi si volaaaa ricomincio a macinare verso il sogno chiamato America, per fare questo mi servono sponsor che mi diano una mano nella forte spesa.........aiutate Musseu.....datemi una mano a volare verso l'infinito essere  ........Grazie 

Stefy&5...Claudio...vi voglio bene

Viva la vita...viva l'amore.....viva madre natura
Musseu : 3394738161  Email: giorg9@alice.it 

lunedì 30 luglio 2012

V.R.V. TRAGUARDO VOLANTE 2012

Eccomi pronto per la grande avventura lungo le rive dell'Adige da Verona a Resia e ritorno, un'attimo lungo 600 km ......e vaiii con la V.R.V. TRAGUARDO VOLANTE,  la mia anima trasportata su strada !!!
A seguirmi trecento anime, trecento ragazzi con la voglia di mettersi alla prova , di andare oltre confine , di vivere madre natura...emozioni, sensazioni , linfa di vita.....grazie fratelli randagi grazie di cuore !
Una settimana hard per me....tra organizzazione e un ascesso ad un dente che mi costringe a notti insonni e a l'uso di antibiotici per 5 giorni fino a sabato mattina, venerdì l'intervento "liberatorio" che mi lascia una ferita aperta ma almeno si sfoga...che sfiga ! ma sempre positivo; bel test anche questo  !!!
Decido di partire per ultimo, così posso organizzare al meglio la partenza e poi vedrò come butta fisicamente...l'importante è che non vada oltre , questo per me deve essere un allenamento di finitura per Austria !!!
Ore 5.45 il mio compito è finito a parte qualche ritardatario ci siamo sono partiti tutti, inforco la bici e via , con me una ventina di anime che scorto fino all'imbocco della ciclabile , il mio cammino comincia bene le gambe girano e sensazioni positive, mi isolo mentalmente e via per la mia V.R.V.
Importante per me oggi è vedere la resistenza ....peccato per il piccolo inconveniente che non mi permetterà di testare come volevo la giornata, l'intenzione era compiere la v.r.v. e poi andare incontro ai piu lenti fino all'ultimo e accompagnarlo fino all'arrivo !!!
Arrivo a Albisano dopo una lunga trainata solitaria, un tuffo e sono lungo lago,  Brenzone nel togliermi lo spolvero mi vola via causando anche un po di disagio nel gruppo dove sono, mi fermo ....è andata sono di nuovo da solo e sinceramente se pur tira un bel vento contro sono contento !
Percorro tutta la sponda veronese del Garda  fino a Torbole....che spettacolo, lassù il cielo si fa grigio e comincia gocciolare, previsioni meteo pessime....speriamo !
Salita per Nago comincia a piovere, passo san Giovanni strada bagnata e ciclabile scivolosa, pochi metri nemmeno il tempo di pensare..."attento a non scivolare" che mi trovo davanti l'amico Luigi steso perterra dolorante, due ciclisti con lui. hanno già chiamato l'ambulanza, uno dei due è un medico dopo brevi accertamenti dichiara che probabilmente si tratta di rottura del femore, avviso Dario e Claudio, mi assicuro che stia bene, ringrazio i due randagi che rimangono con Luigi fino all'arrivo dell'ambulanza e riparto verso il bicigrill per vedere se possono andare a prendere la bici.
Porca vac.. non ci voleva , percorro il tratto fino a Nomi tranquillo lungo una ciclabile devastata dal temporale della notte prima, di tutto di più con alto rischio di foratura !
Arrivo a Nomi , Matteo responsabile del bicigrill mi assicura che prenderà contatto con i vigili di Torbole e gestirà il tutto...ok adesso sono più tranquillo si può menare !
Riparto verso Salorno secondo controllo/ristoro, il tempo da minaccioso diventa esplosivo e regala vento e acqua a catinelle, anche se non fa freddo....18 gradi !
I randagi vengono messi a dura prova ....di tutto di pù ognuno regala il meglio di se , risalta l'esperienza dei più navigati e "massacra" i novizzi !!!
Sara amica di fisico esile è la prima a farne le spese a Salorno saluta e se ne torna a casa accompagnata da Federica , con loro poi a fine rando verrò a sapere che un' altra ventina di anime lasciano !!!
Al camorso Musseu un tempo così esalta e la macchina imbottita di antibiotici regge se pur con sensazioni strane...come se dovesse venirmi un crampo a momenti !!!
Testa bassa e via, non mi curo di niente macino e trascino con me amici e il tempo che da grigio sul lago di Caldaro si apre in uno spettacolare cielo azzurro con colori incredibili post temporale verso Merano !
Arrivo al controllo 205 km fatti media pedalata 31 orari....e vaiiii !
Giancarlo il mio grande amico di Merano è li pronto , una grande organizzazione messa a disposizione per noi, frecciato benissimo e un controllo curato.....grazie Giancarlo...grazie A.S.D. Merano .
Mi comunica che il primo l'amico Ivano è passato da circa una 20° di minuti " ei Musseu è dura organizzare e pedalare è ? il tuo amico Ivano è già 20 minuti che è passato !" io rispondo " vedrai che prima di Resia lo becco !" La "lepre" la davanti mi da vigore per reggere il ritmo e fare un buon allenamento per Austria, non avrei pensato di reggere così bene dopo una settimana sofferente !
Volo, il tempo instabile ha regalato la ciclabile tutta per noi e si può viaggiare veloci senza nessun rischio !
Silandro il bellissimo ristoro, una baita avvolta da dolci acque catturate da un verde incredibile, la via che porta è su sterrato vero che esalta il tutto, Teresa una dolce creatura tirolese gestisce regalando attimi indimenticabili .
Grazie Teresa ciao al ritorno....fra poco !!!
Via per Resia per la cima coppi del viaggio . verso la sorgente del fiume Adige verso la sorgente di vita , clima perfetto e padre sole che si scaglia sulla val Venosta.....bellissimo, siiii attimi infiniti di vita !
Ivano è sempre la davanti , ma ormai sui lunghi rettilinei che portano a Glorenza scorgo la sua sagoma ! Glorenza eccomi assieme " ciao Ivano!"  con lui Domenico un bellissimo ragazzo molto simpatico con una grande gamba da alta velocità, il terzetto trascina la V.R.V.
Il tratto più duro e più bello è davanti a noi pronto ad essere vissuto , strappi al 20% mettono a dura prova, ma dopo l'esperienza della Valtellina extreme che mi ha "massacrato" le gambe con un 34/30 ,sto giro pedalo con un 34/32 !!!
Lago di san Valentino....lago di Resia , fermare il tempo qua in questo istante, ogni volta che passo di qua faccio sempre lo stesso pensiero.....meraviglioso un inno alla vita , alla poesia, all'amore ! eeeeeee eccoci da Petra, da Stefy&5 , 305 km fatti , tutto perfetto organizzato benissimo, amore tanto amore donato......alieni dell'essere.
Mi cambio completamente e riparto ad alta velocità sulla statale che porta a Glorenza , con me sempre Domenico e Ivano.
La discesa è farcita da raffiche di vento che disgregano il terzetto, Domenico prende il largo e infila la via sbagliata , invece di girare a Glorenza vola come un missile sulla statale, sprovveduto di gps e road book ....ma ! Ivano stanco scende tranquillo....mi ritrovo a Glorenza da solo, tolgo il giubbino e riparto per " Teresa" testa bassa , trovo molti amici che stanno salendo verso Resia...ciao ragazzi e vaiiii !!!  Il tempo regge si sta benissimo...ciao Teresa, ciao angelo tirolese, è ora di un pasto vero che mi porterà a Verona, megapasta e una birra media !!! Arrivano i dispersi Ivano e Domenico !!!
La strada in leggera discesa e il vento in poppa ci fa volare verso Merano.
Ivano è stanco ma regge, Merano 380 km fatti, ore 20,20 il sole lascia, si fa strada la magica notte,  paesaggio fatto di ombre, lucciole e tenebre.
Il terzetto viene raggiunto da Guido e amico....e vaii con il quintetto, cambi regolari si arriva a Salorno , ad aspettarci bike cafè , megapanino...ho ancora fame !!! caffè per tenermi sveglio e via per Nomi , siamo rimasti in tre Domenico e Ivano non si sono fermati ci aspettano a Nomi,  Ivano è "cotto"  preferisce proseguire lentamente.
Trascino i due amici fino a Nomi dove dopo un caffè il ritrovato quintetto è pronto a scalare Brentonico, una salitella dettata dall'anima che nel finale di una così bellissima ciclabile da un "senso alla giornata"......SI LO AMETTO SONO UN PO FOLLE , ma una follia sana che porta alla saggezza...almeno credo !!!
Brentonico, caz... è sempre dura ! discesa tecnica per Chizzola, ormai ci siamo 30 km di val d'Adige piatta prima di arrivare al finale adrenalinico !
Io e Domenico a menare il resto a subire , a Avio mi trovo davanti la luna brilla lassù, l'animale che ho dentro di me chiama...a testa bassa cominciano le danze , 40....45 orari...un km ....due...resto da solo ! due km e arriva come un freccia rossa Domenico....e vaiiii cambi regolari.
Rivoli, strappo ciclabile divorato, Elfi e varie introdotte nel finale ci tengono svegli.
Domenico non sapendo del selvaggio percorso della V.R.V pedala con una bici da 7 kg con ruote da 5000 euro con tubulari ( molto sprovveduto il ragazzo) ha già forato ma con il gel antiforatura regge, anche se ogni oretta dobbiamo fermarci a pompare con la mia mega pompa ! al ciottolato finale lung'adige arriva l'impreco piu esaltante nei confronti di Musseu, una rincorsa amichevole con vafanc...finale !!! Un abbraccio e un e vaiiii a Castelvecchio da l'arrivo finale a Verona , ad aspettarci Dario, le sue prime parole sono stare " ti te si tuto mato " ci siamo !!! Sono quasi le 5 del mattino 23 ore per percorrere la mia V.R.V. (mio miglior tempo 22 ore da solo con macchina a seguito !!!)
Saluto Domenico e inforco la bici, ritorno a pedalare, vado a casa ! la voglia di tornare sul percorso di ritrovare anime amiche è tanta ma preferisco non esagerare dopo quello che ho passato !
Qualche oretta di sonno e sono di nuovo all'arrivo a donare un sorriso un abbraccio, sono felice si respira gioia e amore, tutti contenti ringraziano, importante anche qualche critica costruttiva , che sicuramente colmerà le "lacune" per ritornare nel 2014 ancora più esplosivi !
Che dire viva la vita, viva la V.R.V.......VIVA MUSSEU !!!
Un grazie particolare a Fabrizio e Paolo di Traguardo Volante senza di loro la V.R.V. non ci sarebbe hanno sempre creduto in me e insieme abbiamo partorito questa meravigliosa creatura.
Grazie a Verona Marathon, Dario e Stefano collaboratori nell'organizzazione .
Grazie fratelli , grazie a tutti i volontari che hanno reso possibile il mio sogno
Grazie ai Bicigrill.......un abbraccio forte a Petra, Giancarlo e ASD Merano, Stefy&5, Luca, Claudio, Teresa, Matteo, Bike cafè.
Grazie a tutti gli sponsor : Sovendi, Lebesport, T.V.S., Traguardo Volante, Berner, Paluani.

Un pensiero a lo sfortunato Luigi....a presto fratello in volo on the road ! 

 
 

Come spesso capita con le più belle avventure della vita, anche questo viaggio cominciò per caso.

lunedì 16 luglio 2012

Brevetto permanente del Baldo...farcito !!!

Tre giorni per volare, tre giorni per ritrovare quel benessere interiore, per staccare da quella " follia" quotidiana dettata da persone che non sanno guardare oltre, accecate dal nulla e convinte di essere.....!!! 
Via si vola, il caldo in questi giorni rende tutto più complicato e durante il giorno è quasi proibitivo uscire in bici.....un bel test per le lunghe piane del kansas !!!
Ore 4 del primo giorno, un bellissimo cielo apre la giornata accompagnato da 26 gradi e afa, si parte per un nuovo brevetto permanente , il mitico monte Baldo scalato da sei versanti , i meno trafficati e duri per creare un giro bellissimo alla portata degli "umani" !!!
Primi colpi di pedale tranquilli, sarà un lungo cammino ! arrivo a Caprino...il giorno ha preso forma, sono le 5 e sono già tutto sudato....la vedo dura !!! Prima salita lumini primo tratto con delle belle pendenze, poi "spiana" e si respira, accompagnati da un bellissimo bosco secolare si arriva fino a località sceriffo. Picchiata verso Torri del Benaco , qualche metro di piano lungo il mio amato lago di Garda fino a Brenzone e su dritti per la seconda salita Brenzone/San Zeno 11 km bei tosti con un doppia cifra centrale da veri scalatori !
Che caldo ragazzi.....che afa, il termometro segna alle 8 del mattino già 30 gradi !
Rieccoci a San Zeno e di nuovo picchiata verso Torri, percorro tutto il lungo lago fino a Malcesine dove parte la terza ascesa la panoramica, salitella di recupero per ammirare il lago dall'alto ! picchiata e via di nuovo lungo lago fino a Torbole dove lascio la sponda ovest del Baldo per affrontare una delle due salite a Nord che da Mori va a  Brentonico , l'altra salita a nord è per pochi,  16 km al 10% parte da Nago e porta fino all' imbocco per l'altissimo e finisce.....come punta veleno non è contemplata in questo giro !!!
Quarta salita un 8 km non durissimi ma con pendenza costante attorno all' 8 % !
Il sole picchia duro e mette a dura prova il mio fisico, continue fermate per riempire le borracce sempre vuote, con questo caldo è molto importante bere molto altrimenti si rischia grosso !!!
Picchiata verso Chizzola dove parte la quinta salita cima coppi del brevetto una salita durissima, divisa "mentalmente" in quattro tratti, i primi 6 km che portano al bivio per Prada con pendenze disumane mai sotto il 10%, con strappi al 20%, sinistra per Prada 5 km mai sotto l'8 % , sinistra per Polsa 5 km "umani" e poi il tratto finale 3 km hard di salita epica con tratti di sterrato che portano lassù in mezzo alle malghe....paradiso terrestre .
Una vista incredibile, mi soffermo un'attimo a respirare quel silenzio , quel magico vuoto che sfugge all'infinito.
Un breve tratto di discesa per San Valentino e di nuovo su per 5 km fino a Rifugio Graziani, dove trovo il mondo----via via troppo apparire, senza cogliere l'amore la poesia che madre natura regala, il magico silenzio spezzato dal moderno !!!
Ore 12 sono sul punto più alto del Baldo, un breve tratto in falsopiano, con rischio mega schianto con dinosauri motorizzati, mi accompagna fino a Dossioli dove plano ad Avio. L'inferno mi aspetta 42 gradi con un sole che picchia duro, doccia alla fontana e via lungo la val d'Adige fino a Zuane. Destra, piccolo strappo e sesta salita, su per Porcino fino al bivio per Spiazzi, corta ma aspra, sinistra per Caprino dove mi aspetta un dolce rientro accompagnato sempre da un caldo incredibile, arrivo alla meson molto "acceso" .
Una giornata a bassa quota con un caldo incredibile, un bel test , ne è uscito un bel brevetto permanente: Il Baldo da 6 versanti girando intorno in senso orario da sud a est per un totale di 240 km per 4500 mds , a breve road book per chi volesse cimentarsi in questa impresa !
Ore 4 del secondo giorno, ancora caldo e afa a farla da padrone, sto giro si punta dritti in Austria passando dal lago di Garda, passo Ballino, passo Carlo Magno, passo Palade e Resia , una giornata che fino a Riva è dominata dal caldo poi salendo verso il Ballino ecco il miracolo , il cielo diventa grigio e la temperatura scende, primo mega temporale sulla vetta, si sta benissimo e le gambe girano a meraviglia, discesa per Ponte Sarche e su dritti a Stenno per inforcare la val Rendena, una lunga salita mi porta a Madonna di Campiglio dove un bel nuvolone nero mi da il benvenuto con pioggia e grandine.....e vaiiiii, giù in picchiata a ponte Mostizzolo, Fondo (altro temporale) e su dritti sul Passo Palade dove la coppia Stefy&5 fa la sua comparsa, prove tecniche Austria.....mi accompagneranno per il resto del viaggio, e approfittando del passaggio sul percorso della V.R.V. mettiamo a punto gli ultimi preparativi , consegnando i cartelloni ai controlli e ultime info !!!
Merano mega pasta da Giancarlo (ASD Merano) e via per Resia ormai è sera arrivo al passo...... è in arrivo un mega temporale accompagnato da 10 gradi .
Ritrovo Petra che ci offre una mega cena...uno sguardo fuori ( diluvio) uno sguardo alle previsioni meteo su internet( fino alle ore 4 acqua) .....ok piccolo break si parte alle 4 di domani mattina !!! Per la gioia di Stefy&5 ore 23 si va a nanna per un quattro ore, ore 3,30 colazione uno sguardo fuori...il termometro segna 5 gradi e una fitta nebbia ricopre Resia, ma non piove, fanali accesi macchina a seguito e giù in picchiata verso Nauders, una lunga strada in leggera discesa mi porta in valle , dove un poliziotto mi invita " dolcemente" a proseguire il mio cammino sulla pista ciclabile, 120 km mi dividono da Solden dove parte il mitico passo Rombo che riporta Musseu in Italia .
Una ciclabile bellissima , un continuo su e giù lungo la valle un po a destra, un po a sinistra !!! Accordo con Stefy di trovarsi nella valle di Solden, ogni tanto ci telefoniamo per fare il punto del viaggio, tutto ok fino a che, non rimango isolato dal mondo rimanendo senza credito sul cellulare....e adesso !!! Arrivo come accordo a Oetz dove finisce la ciclabile....telefonare quando arrivi!!! Entro in un distributore chiedo gentilmente se mi concedono una telefonata ....no problem, pochi attimi e ci ritroviamo.
Ecco Solden....ecco il magico Rombo lassu al confine tra terra e cielo.....40 km mi dividono dalla vetta, 40 km di vera fatica, gli ultimi 5 km dopo il casello dove si paga il pedaggio sono durissimi, non finiscono mai , mucche "minacciose" accompagnano Musseu !!!
Ore 12  conquistato anche il Rombo, 10 gradi a 2400 metri di quota , senza fermarmi giù in picchiata a San Leonardo in Passiria , dove trovo un clima perfetto, si vola verso Merano e su di nuovo verso Resia dalla ciclabile....il mio viaggio finisce a Silandro da Teresa alle ore 17 del terzo giorno davanti a un mega strudel con 820 km fatti e 13000 mds.
Ci siamo adesso basta ricaricare le pile per il 15 Agosto e la RAA sarà mia !!!

Questo mondo è una meraviglia. Non c'è niente da fare, è una meraviglia. E se riesci a sentirti parte di questa meraviglia - ma non tu, con i tuoi due occhi e i tuoi due piedi; se Tu, questa essenza di te, sente d'essere parte di questa meraviglia - ma che vuoi di più, che vuoi di più? Una macchina nuova?
T.T.

mercoledì 27 giugno 2012

Valtellina extreme 2012

Ore 5 del 16-5-2012 una grande avventura mi aspetta, un bel test per la grande sfida di Agosto !!! Mario amico extremista di Bormio a messo in piedi assieme al suo gruppo sportivo Bormiese un qualcosa di unico e devastante, le grandi salite della leggenda ciclistica, che circondano Bormio : Mortirolo,Stelvio,Gavia, farcite da Bernina,Forcola e Foscagno, tutto di un fiato non stop !!!
Solo a pensarci viene la pelle d'oca, sopra i duemila metri per ben 6 volte e il mortirolo che fa il resto !!!
Via si parte , un 'ottantina di anime capitanate dal zoccolo duro dei randagi italiani......con noi 5 donne.
Giornata bellissima e previsioni meteo favorevoli, per prima si affronta il mortirolo da Mazzo la più breve ma la più dura come pendenze, 30 km di leggera discesa per scaldare il motore! Dopo circa 10 km ci troviamo davanti un km di sterrato , la dove l'alluvione dell' ottantasette lascia ancora il suo triste ricordo, lunghe gallerie sono state scavate per rifare la strada e la dove si percorreva la vecchia via lentamente stanno ripristinando il tutto, in corso d'opera anche una bellissima ciclabile .
Musseu lungo lo sterrato parte  " si esalta" , lascia la compagnia e assieme a due "scatenati"di Mazzo arrivo ai piedi della salita, la " missione" per loro è finita , mi confidano che hanno pochi km nelle gambe il suo piccolo traguardo era quello di arrivare per primi al suo paese e poi provare a fare il primo anello !!!
Mi trovo da solo a condurre le danze sul duro Mortirolo, le pendenze non danno respiro e i rapporti salgono, primi sensazioni non buone battito alto e velocità bassa...devo ancora carburare !!! Se pur ingolfato la truppa da dietro stenta e mi percorro mezzo Mortirolo prima che il vero e unico camoscio mi superi . Dopo un 'ora e 10 minuti di sofferenza eccomi sopra, timbro , spolvero e giù in picchiata a Incudine per affrontare in leggera salita la strada che porta a Ponte Di Legno....cerco di recuperare lo sforzo fatto , mangio qualcosa e bevo....si suda molto.
Ponte di Legno , eccomi lungo la via del Gavia  mi fermo ad una fontana a fare il pieno di acqua, 17 km di salita vera con pendenze abbordabili ma "cattive" che non danno respiro, mi separano dalla cima, decido di salire tranquillo senza strafare, catturato da madre natura che quassù regala il meglio di se mi ritrovo alla galleria, 5 km dalla vetta , segnalati con dei bei cartelloni gialli messi per il giro Bio che si terrà il pomeriggio , tappa del giro d'italia dilettanti 170 km con arrivo sul Gavia !
Sensazioni strane da alta quota invadono il mio corpo, la velocità da bassa diventa bradipa e con fatica scollino. Un ciclista con poca esperienza a questo punto mollerebbe andrebbe in crisi, ma Musseu ha passato di peggio e sa che la nostra straordinaria macchina ha risorse incredibili , grandi capacità a superare ostacoli all'apparenza insormontabili, tutto quello che in questi anni ho fatto è rimasto scolpito dentro di me e lentamente viene ricordato e regalato al momento del bisogno.....bellissimo.....stupendo trovare la forza di non mollare di chiedere l'oltre, di scavare dentro di te "la forza dall'anima" per regalare attimi di verità.
Picchiata a Bormio...fine primo anello e vaiii in poco più di 5 ore sono Capriolo delle alpi, primo brevetto fatto, 119 km per circa 3000 mds fatti !!! tre ciclisti prima di me all'arrivo , sono le ore 10.30 , partenza per il secondo anello prevista dalle ore 11 30 ho un 'oretta per mangiare un bel piatto di pasta offerto dall'incredibile gruppo bormiese, piccolo break e si parteeeeee.
Parto per primo assieme a Plinio un forte ultracycling che è qui per allenarsi par la RATA che si terrà la settimana prossima.
Sua maestà lo stelvio come secondo anello prima da Bormio e poi da Prato.....digerire sule rampe dello Stelvio non è cosa semplice poi se sei accompagnato da un ciclista che va il doppio di te diventa ancora più complicato, lo lascio andare ma lui insiste nel restare in "dolce" compagnia e mi porta fin lassù dove la terra confina con il cielo ....sverniciati dal famoso camoscio del Mortirolo !!! arriviamo al passo Umbrail, picchiata a Glorenza , ore più calde della giornata, piu di 30 gradi un sol leone picchia sui nostri "cadaveri" nel breve tratto di piano che porta a Prato raggiungiamo il " camoscio" che come copione sulle prime rampe dello Stelvio saluta la compagnia " butta la pasta quando arrivi a Bormio" !!!
Certo volte penso come fa uno come me un "Camorso" di circa 80 kg con bici che non sono mai meno di 10 kg poter osare tanto, e riuscire a "competere" in salita con ragazzi molto più giovani e con parecchi kg di meno....i due ragazzi di giornata, 39 e 33 anni uno pesa 61 kg e il "camoscio" 57 kg !!! .mi sa che il " fenomeno" alla fine sia io !!!
Scherzi a parte sono cosciente dei miei limiti, e ciò mi da forza per sfidare la gravità....facile "combattere" dove il terreno è fertile !!! madre natura mi ha regalato tanto e devo esserne grato.
Nelle mie avventure penso spesso a tutti gli amici e non che nella vita sono stati meno fortunati di me e trovano la forza di lottare per creare una traccia in questo passaggio terrestre, GRANDI RAGAZZI MIEI SIETE UN GRAN ESEMPIO DI VITA....... al contrario di tante anime perse che hanno tutto, ma sono in costante ricerca del nulla !!! la felicita viene dall'amore , dalla semplicità delle cose...la ricerca costante dentro di noi dell'essere, lasciamo la via del materialismo e scopriamo il nostro io, ritorniamo uomo sapiens a stretto contatto con madre natura e i nostri simili..... povero uomo sapiens sapiens !!! Trafoi circa 10 km alla vetta anche Plinio mi saluta, arranco la quota e il dislivello fatto si fanno sentire, il sole picchia duro, mai sopra i 10 orari.
Il famoso serpentone finale dello Stelvio diventa infinito....ma caz.. non finisce mai !!!  dopo due ore e 15 minuti arrivo sopra sulla cima coppi d'italia...il mondo è davanti a me dentro di me .....siiiiiiii e vaiiiii , picchiata su quel di Bormio e fine secondo anello  220 km fatti per circa 7000 mds sono diventato cervo delle alpi !!!
Ore 17,30 , due orette di tempo per poter partire per il terzo anello, doccia, mega pasta,  microsonno di un'oretta e via per il terzo anello passo Bernina/Forcola di Livigno/Foscagno una salita interminabile di 33 km per più di 2000 mds, circa 40 km di piano ci separano da Tirano dove parte la salita, la sera si fa strada e il caldo lascia il posto a una temperatura gradevole, sono sempre in compagnia di Plinio che decide di restare con me (il camoscio desiste dorme e ripartirà in mattinata, già il tempo a disposizione per terminare il brevetto è fino alle 22 di domenica 17) anche perchè sto giro saremmo accompagnati nelle ore notturne da Claudio lo scudiero in macchina, che dopo aver compiuto la mega impresa del primo anello in bici si concede per prove tecniche notturne  Austria !!!


La gamba dopo un pò ritorna a girare e si vola verso Livigno...la notte scende, un bellissimo cielo stellato a farci compagnia, a notte siamo a Livigno, tutto tace, tinbro alla dogana e giù in picchiata verso Bormio....ore 2 di domenica eccoci a fine terzo anello 350 km fatti per 10000 mds ....e vaiii sono diventato stambecco delle alpi.....solito rito, mega pasta in dolce compagnia dei fratelli della Bormiese sempre molto gentili disponibili, piccolo microsonno e via libera alle ore 3,30, Plinio decide di concedersi un sonno un po più lungo e lascia.
Il destino mi regala questo momento magico, da solo partire verso l'ultimo anello.....e vaiiiiii
Dopo essermi assicurato che orsi da questi parti non fanno sosta...almeno dicono !!! infilo la via che porta ai piedi del Gavia....Santa Caterina Valfurva,  notte fonda,  la luna , le stelle e madre natura a fare compagnia a Musseu, 10km di dolce salita prima del Gavia. Ore 4,30 un fuoristrada mi passa ....si ferma e" tutto bene" rassicuro il meravigliato autista che con cenno stupito mi saluta !!!
Cominciano le prime rampe del passo e le primi luci fanno breccia nella fitta boscaglia...occhi indiscreti scrutano il cammino , che spettacolo assistere al sorgere dell'alba sul passo Gavia, che fortuna poter essere quà da solo a cogliere l'infinito attimo del risveglio di madre natura , sensazioni emozioni forti mescolate da tanta fatica che ormai invade ogni mia cellula. Ore, 530 sono sul passo, ad attendermi come accordo è rimasto aperto il rifugio, timbro un buon te caldo e giù molto prudente verso ponte di Legno, sono stanco e un po lento di riflessi , le primi luci della giornata sono le peggiori per il sonno !!! Incudine destra per il Mortirolo   , ore 700 mi fermo mangio qualcosa e su verso la cima....ultima fatica di giornata , da questo versante il Mortirolo è meno duro ma dopo il paese di Monno regala delle rampette niente male....considerati i metri di dislivello fatti e più di 24 ore che pedalo il tutto diventa molto stimolante !!!
A pochi km dal passo mi passa a velocità doppia Plinio che "disturbato" che un Musseu possa arrivare prima di lui , passa e va......!!!
Passo Mortirolo , fermata al rifugio a pochi metri dallo scollinamento , megagelato e lungo respiro di siiiiiiiiiiii Musseu ancora una volta hai realizzato una piccola impresa, un passo verso il sogno....un passo verso l'Austria !!!
Discesa molto prudente verso Mazzo ....30 km di dolce salita per arrivare a Bormio, ormai non si spinge più i km passano lenti e ogni rampetta entra come un bisturi nei miei muscoli, mentalmente scarico cerco di fare un po di scarico attivo sui pedali, vengo raggiunto da un ciclista locale che una volta raccontato quello che sto facendo è ben felice di pedalare un pò con me, eccoci a Bormio......grazie ragazzo , grazie di avermi accompagnato fino alla meta .
Arrivo ore 10, 15 ....480 KM FATTI PER 13200 MDS....grandissima impresa.....in 24 ore e 40 minuti totale con fermate 30 ore scarse.......e vaiiiiii Camoscio delle alpi.
Sempre più convinto mi avvicino alla piccola RAAM europea convinto che sarà una grande avventura che mi porterà sicuramente oltre ogni mio confine, ma che se sostenuto da un grande Team ( importantissimo in queste imprese) potrò giocarmela per arrivare dove la terra confina con il cielo !!!
Un grazie particolare va al gruppo Bormiese , un gruppo di persone che con amore e poesia hanno costruito qualcosa di meraviglioso....bellissimi attimi vissuti con loro, bellissime persone, semplici , come il mio amico Mario ideatore dell'opera.....grazie Mario alla prossima avventura fratello .